Carato

Il carato è una grandezza dal duplice significato in Fisica e in oreficeria: da un lato è un'unità di misura di massa, che non rientra nel Sistema Internazionale e che viene usata per le gemme preziose; dall'altro è un indicatore di purezza dell'oro.

 

In questa lezione approfondiremo entrambi i significati del carato, per poi vedere come convertire i carati in altre misure di massa.

 

Carato come misura di massa

 

Il carato, inteso come unità di misura della massa, è conosciuto col nome di carato metrico ed è stato definito nel 1907 dalla Conferenza Generale dei Pesi e delle Misure come un'unità di massa pari a 0,2 grammi

 

1 carato = 0,2 g

 

Convertire il carato in altre unità di misura di massa

 

Invece di imparare e dover ricordare una moltitudine di fattori di conversione a memoria, per convertire i carati in altre unità di misura è ben più conveniente passare dal carato al grammo moltiplicando per 0,2.

 

In questo modo il problema si ridurrà a convertire il grammo nell'unità di misura desiderata, e in particolare:

 

- se la misura d'arrivo appartiene al sistema internazionale possiamo servirci della scala dei grammi o della tabella dei grammi;

 

- se invece la misura d'arrivo non rientra nel Sistema Internazionale dobbiamo inevitabilmente servirci del fattore di conversione che la lega al grammo. A tal proposito nella lezione sulle equivalenze tra misure di massa abbiamo riportato una comoda tabella con tutti i fattori di conversione tra le varie misure di massa.

 

 

Esempi di conversione dei carati

 

1) A quanti milligrammi (simbolo mg) corrispondono 3 carati?

 

Per rispondere convertiremo dapprima i carati in grammi, per poi passare dai grammi ai milligrammi moltiplicando per 1000; infatti sulla scala del grammo vi sono tre gradini in discesa che separano le due unità di misura.

 

 3 carati = (3×0,2) g = 0,6 g ; 0,6 g = (0,6×1000) mg = 600 mg

 

 

2) Convertire 21 carati in once (simbolo oz).

 

Per svolgere la conversione passiamo dai carati ai grammi e, in un secondo momento, dai grammi alle once (in caso di dubbi: oncia grammi)

 

 21 carati = (21×0,2) g = 4,2 g ; 4,2 g ≃ (4,2×28,35) oz ≃ 119 oz

 

 

3) A quante unità di massa atomiche (simbolo u) equivalgono 12,3 carati?

 

Per risolvere l'equivalenza proposta procediamo come segue:

 

 12,3 carati = (12,3×0,2) g = 2,46 g ; 2,46 g = (2,46 : 1000) kg = 0,00246 kg ; 0,00246 kg ≃ [0,00246 : (1,67×10^(-27))] u ≃ 1,48×10^(24) u

 

Non dovrebbe essere difficile capire cosa abbiamo fatto: come di consueto nella prima riga abbiamo convertito i carati in grammi. Nella seconda riga invece siamo passati dai grammi ai kg.

 

Infine, ricordando che 1 unità di massa atomica equivale a 1,67 · 10-27 kg, dividendo per tale valore siamo passati dai kg all'unità di massa atomica.

 

Carato come misura di purezza

 

Se ci si riferisce alle leghe auree, ossia contenenti parti d'oro, il carato viene indicato con i simboli kt, ct, oppure con la sola lettera k affiancata al numero senza alcuno spazio intermedio.

 

In questo contesto il carato quantifica le parti d'oro di una lega su base 24/24. Più esplicitamente una lega con una purezza di 1 carato (1 kt) è una lega costituita da 1 parte d'oro su un totale di 24 parti.

 

Per intenderci, un anello di oro a 18 carati (18k) è formato da una lega costituita da 18 parti d'oro e da 6 parti di altri metalli, come rame, argento, nichel e palladio. L'oro a 24 carati (24k) è invece l'oro di massima purezza.

 

 


 

Con questo è tutto: come ultima raccomandazione vi ricordiamo che potete servirvi in qualunque momento del convertitore di unità di misura online per correggere i vostri esercizi sulle conversioni. ;)

 

 

Buon proseguimento su YouMath,

Giuseppe Carichino (Galois)

 

Lezione precedente

 
 

Tags: i carati - cos'è il carato.