Così che o cosicchè?

Così che o cosicché

Come si scrive, così che o cosicchè? Quale è la grafia corretta tra le due, quella staccata formata da avverbio e congiunzione - così che - o quella in una unica parola con univerbazione e raddoppiamento della consonante - cosicché?

 

Per individuare la forma corretta tra cosicché e così che è sufficiente consultare il dizionario della lingua italiana o, ancora meglio, fare riferimento alla relativa regola grammaticale che ci accingiamo a esporre.

 

 

Come si scrive: cosicché o così che?

 

Bisogna scrivere cosicché o così che, in forma univerbata o staccata, e da dove nasce questo dubbio? Molte incertezze sulla corretta grafia delle parole della lingua italiana riguardano le locuzioni e gli avverbi. Una delle domande più frequenti è la seguente: la locuzione si scrive attaccata o staccata?

 

Dato che la lingua parlata è diversa da quella scritta la pronuncia induce spesso a commettere errori e, come in questo caso, non fornisce alcuna indicazione sulla grafia corretta. Vediamo alcune frasi di esempio in cui vengono utilizzate le due varianti, così che e cosicché.

 

 

Esempi: si scrive cosicché o così che?

 

1) Oggi non mi sentivo bene così che sono rimasto a casa. [OK]

 

2) Lucia oggi era molto arrabbiata così che non ha pranzato. [OK]

 

3) Marta ha studiato poco cosicché non ha superato l'esame. [OK]

 

4) Oggi faceva molto freddo cosicché mi sono raffreddata. [OK]

 

In queste frasi sono presenti entrambe le grafie, la pronuncia della parola incriminata è sempre la medesima e il significato non viene alterato. Cerchiamo allora di capire qual è la regola per evitare di commettere errori.

 

Regola: quale è la grafia corretta, così che o cosicché?

 

Cosicché è una congiunzione con valore consecutivo che significa "in modo che"; così che è una locuzione composta da un avverbio (così) e da una congiunzione (che).

 

Da precisare che nessuna delle due forme è giusta o sbagliata a priori perché, infatti, entrambe le grafie cosicché e così che possono considerarsi esatte. È possibile scriverle in entrambi i modi, sia in forma staccata sia univerbata, e sono comunque corrette. L'importante è ricordare che, nella forma univerbata cosicché, l'accento deve essere acuto (é) e non grave (è).

 

COSÌ CHE: grafia corretta in forma staccata.

 

COSICCHÉ: grafia corretta con univerbazione.

 

Scrivendo dunque le frasi degli esempi precedenti scambiando le grafie già utilizzate otterremmo comunque delle proposizioni grammaticalmente corrette

 

1) Oggi non mi sentivo bene cosicché sono rimasto a casa.

 

2) Lucia oggi era molto arrabbiata cosicché non ha pranzato.

 

3) Marta ha studiato poco così che non ha superato l'esame.

 

4) Oggi faceva molto freddo così che mi sono raffreddata.

 

 

Altri esempi: così che o cosicché

 

1) Marika ha commesso un errore grave a lavoro cosicché è stata licenziata.

 

2) Luisa aveva bisogno di soldi cosicché ha chiesto un aumento a lavoro.

 

3) Luca aveva una barba troppo lunga così che l'ha tagliata.

 

4) Oggi il tempo era brutto così che sono rimasta a casa.

 

 

Ci vediamo negli altri articoli dedicati ai dubbi grammaticali :) potete leggerli per dipanare i vostri eventuali dubbi, ma anche come test di autovalutazione. Ad esempio, sapreste dire qual è la grafia corretta tra soprattutto o sopra tutto? E tra arancie o arance?

 

 

Laura Chiodi

 

Articolo precedente

 
 

Tags: bisogna scrivere cosicché o così che, staccato oppure tutto attaccato? Si dice così che o cosìcché, oppure non si dice?