Tutto a posto o tutto apposto?

Tutto a posto o tutto apposto

Si scrive tutto a posto o tutto apposto? Quale è tra le due locuzioni è corretta, quella in scrittura separata tutto a posto, oppure quella in cui apposto è in forma univerbata e con raddoppiamento consonantico? Vediamo come risolvere il dubbio analizzando attentamente le parole.

 

 

 

 
 

Come si scrive: tutto a posto o tutto apposto?

 

Innanzitutto precisiamo che, in generale, tutto a posto e tutto apposto non vanno considerate a priori come grafie sbagliate. Esse infatti potrebbero essere entrambe corrette, purché utilizzate in opportuni contesti.

 

Il problema, come spesso capita, discende dalla confusione generata dal linguaggio parlato e in particolare dalla pronuncia delle due espressioni. Se però faremo riferimento, di volta in volta, al significato delle parole e alle relative regole grammaticali allora saremo certi di non sbagliare.

 

 

Esempi: si scrive tutto apposto o tutto a posto?

 

1) Come va, tutto apposto? [NO]

 

2) Quando vieni mettiamo tutto a posto. [OK]

 

3) Quanto darei per far tornare tutto apposto! [NO]

 

4) È tutto apposto, tranquilla! [NO]

 

In queste frasi abbiamo utilizzato entrambe le grafie senza variazioni di significato.

 

Regola: quale è la grafia corretta, tutto a posto o tutto apposto?

 

Anche se le due locuzioni si somigliano e la pronuncia è la stessa, esse hanno accezioni diverse.

 

Tutto a posto è una locuzione avverbiale utilizzata nel linguaggio corrente per dire che è tutto ok, che le cose vanno per il verso giusto. Apposto invece è il participio passato del verbo apporre, che significa collocato nella giusta posizione. Le due espressioni hanno dunque funzioni diverse pur avendo la stessa pronuncia.

 

TUTTO A POSTO: grafia corretta della locuzione avverbiale. Ha il significato di "tutto ok".

 

TUTTO APPOSTO: grafia corretta se si vuol fare riferimento al participio passato del verbo apporre.

 

Nelle frasi degli esempi è chiaro che il significato che volevamo attribuire all'espressione era da intendersi come "va tutto bene", dunque avremmo sempre dovuto scrivere tutto a posto.

 

Attenzione: il dubbio tra apposta o a posta, per quanto simile, presenta una piccola ma significativa differenza! 

 

Altri esempi: tutto a posto o tutto apposto

 

1) Ho finalmente apposto la firma sul contratto; ora è tutto a posto.

 

2) Luisa, tutto a posto?

 

3) Come è andato il compito, tutto a posto?

 

4) Sono passata per vedere se a casa è tutto a posto.

 

 

Continuate a leggerci :) ci sono tanti altri approfondimenti sui dubbi grammaticali più ricorrenti, ad esempio: da o dà, d'accordo o daccordo, si o sì.

 

 

Laura Chiodi

 

Articolo precedente.....Articolo successivo

 
 

Tags: bisogna scrivere apposto o a posto, come parola unica o come due parole staccate? Si dice tutto a posto o tutto apposto, o non si dice?