Differenze tra urto anelastico e urto totalmente anelastico

Prima di postare leggi le regole del Forum. Puoi anche leggere le ultime discussioni.

Differenze tra urto anelastico e urto totalmente anelastico #41788

avt
peaceandlove
Cerchio
Ciao a tutti ragazzi, ho dei dubbi sugli urti. Qual è la differenza tra urto anelastico e anelastico totale?

Dalla teoria so che l'urto anelastico totale è quando i due corpi proseguono uniti con una nuova velocità. Ma se l'urto è solamente anelastico? Cosa accade? Qualche esempio?

Potete aiutarmi quindi a capire questo esercizio?

Un corpo puntiforme A in moto con velocità v = 20 m/s su un piano orizzontale liscio, urta un corpo B identico al primo, inizialmente fermo ai piedi del piano inclinato liscio. Supponendo l' urto anelastico, calcolare la massima quota a cui giunge il corpo B sul piano inclinato.

Grazie emt
 
 

Re: Differenze tra urto anelastico e urto totalmente anelastico #41807

avt
Luigi76
Le Roi
Un urto è anelastico se l'energia cinetica NON si conserva durante l'urto.
Mentre, come hai scritto, è totalmente anelastico se, dopo l'urto, i corpi coinvolti procedono insieme.
L'esercizio che hai proposto è risolvibile solo se l'urto è totalmente anelastico. Altrimenti le informazioni fornite sono insufficienti.
Nella ipotesi che l'urto sia totalmente anelastico, per la conservazione della quantità di moto, si ha:
m Vo = 2 m Vf
da cui per la velocità subito dopo l'urto dei due corpi si ha
Vf = Vo/2 = 10 m/s
Infine per la conservazione dell'energia
h = Vf²/2g = 5.1 m

N.B. Se l'urto fosse elastico, dalla conservazione durante l'urto sia della quantità di moto che dell'energia cinetica, si deduce che il corpo A si arresta e il corpo B parte con la velocità di A.
Quindi
h = Vo²/2g = 20,4 m

Se si sa solo che l'urto non è elastico, la conservazione della quantità di moto fornisce una equazione scalare in due incognite:
m Vo = m V1 + m V2 --> Vo = V1 + V2
Occorre un'altra informazione per poter calcolare le velocità V1 e V2 dei due corpi subito dopo l'urto.
Ringraziano: Omega, Pi Greco, peaceandlove, CarFaby

Re: Differenze tra urto anelastico e urto totalmente anelastico #41885

avt
peaceandlove
Cerchio
Grazie Luigi per la risposta. Sei stato molto gentile.

Nell'ultimo caso quello non elastico (anelastico semplice) i due corpi non rimangono uniti e i due corpi procedono con due velocità probabilmente differenti.

Sapresti dirmi quali informazioni bisogna dare per poter svolgere il problema? Ad esempio, se venisse data l'energia meccanica dispersa si potrebbe risolvere?

Pur non conoscendo nessuna delle due velocità dopo l'urto si può prevedere comunque la direzione, o meglio il verso dei corpi dopo l'urto?

Spero di non chiedere troppo...Grazie.

Re: Differenze tra urto anelastico e urto totalmente anelastico #41900

avt
Luigi76
Le Roi
Nei problemi d'urto, di solito, si assume che l'urto sia centrale normale fra corpi assimilati a punti materiali ovvero che le velocità prima dell'urto siano parallele fra loro e parallele alla retta congiungente i due punti (detta linea d'urto).
Per le simmetrie del problema, anche dopo l'urto le velocità saranno parallele alla linea d'urto.
Tornando all'urto anelastico, ma non totalmente, l'ulteriore informazione potrebbe essere l'energia dissipata (o liberata) nell'urto.
Infatti dalla conservazione della quantità di moto, se il bersaglio è fermo, si ha:
m1 Vo = m1 v1 + m2 v2
(1/2) m1 Vo² - [(1/2) m1 v1² + (1/2) m2 v2²] = Ediss
Hai così due equazioni nelle due incognite v1 e v2. I loro segni preciseranno i versi delle due velocità: se positive sono concordi con Vo,
se negative, discordi.
Ringraziano: Omega, Pi Greco, peaceandlove, CarFaby
  • Pagina:
  • 1
Os