Facoltà scientifica e problemi di memoria

Prima di postare leggi le regole del Forum. Puoi anche leggere le ultime discussioni.

Facoltà scientifica e problemi di memoria #78128

avt
haiac
Punto
Ciao a tutti, in realtà pur essendo passato più volte su questo forum per risolvere i miei dubbi esistenziali, sorti durante lo studio in questi anni, non ho mai avuto necessità di registrarmi perché ho sempre trovato risposte in topic altrui.

Quindi questo è a tutti gli effetti il mio primo post di apertura! emt

Scrivo perché vorrei confrontarmi con qualcuno che fosse avvezzo allo studio di concetti matematici in quanto recentemente sono un po' in crisi e sfiduciato: sono uno studente universitario di materia scientifica, al 3 anno, in corso, e anche con un buon profitto in realtà...ma per nulla soddisfatto perché mi son reso conto che di quanto appreso in questi anni molto me lo son perso per strada.

Vi faccio un esempio: al primo anno studiai probabilità e statistica (ma è solo un esempio tra i tanti) che mi affascinarono molto, e le preparai davvero bene ottenendo anche un discreto 28.

Recentemente - non avendole più toccate da allora - ho fatto mente locale ponendomi qualche domanda e mi son reso conto, con molta tristezza, che in realtà tra indici di variabilità statistica [come varianze ecc..] o distribuzioni [chi quadrato e t di student..] solo per fare degli esempi, ma in realtà per tutto il programma, se non fossi andato a riguardare non riuscivo bene a raccapezzarmi (non saprei proprio più usarli e manco calcolare la varianza appunto!) eppure li ho fatti solo 2 anni fa!

So che esistono questi argomenti, se li rileggo li capisco al volo, ma non saprei di certo sostenere un esame perché verrei bocciato sicuramente o non saprei rispondere a una domanda di qualcuno che chieda di spiegarglieli senza un libro sottomano, e questo mi fa molto arrabbiare.

Sono esami che ho preparato anche in un mese o due, argomenti che ho capito e non imparato a memoria a macchinetta, però non avendo più toccato queste materie me li son dimenticati e per questo mi chiedo: ma voi come fate?

Probabilmente sbaglio nello studio e vorrei correggermi con vostri consigli. Se vi chiedono queste cose come fate ad avere la risposta pronta, perché un laureato credo debba saper gestire tutto ciò che ha studiato nel suo percorso, ebbene io non ci riesco!

Grazie per i consigli
 
 

Facoltà scientifica e problemi di memoria #78130

avt
Ifrit
Ambasciatore
Ciao haiac,

quello che hai esposto è praticamente un problema che affligge tutti coloro che studiano/insegnano materie scientifiche. Il cervello umano purtroppo tende a "mettere da parte" le informazioni che non ci servono e nel lungo periodo esse possono essere addirittura cancellate per far posto. Le formule sono le prime cose che si dimenticano perché non è il linguaggio a cui la nostra mente è abituata, giusto per farti capire cosa intendo è più facile ricordare il teorema di Weierstrass a parole:

Una funzione continua in un insieme chiuso e limitato ammette massimo e minimo assoluti.

anziché:

Sia f:A\to \mathbb{R} con A\subset\mathbb{R} insieme chiuso e limitato \implies \exists x_1,x_2\in A: f(x_1)\le f(x)\le f(x_2)\quad\forall x\in A.


Altro esempio? Le formule di Werner e in generale le formule di trigonometria si dimenticano con enorme facilità, perché? Li utilizziamo poche volte, pensiamo che non servano più e via, cancellate dalla memoria.

L'esame di statistica e probabilità è tipicamente un esame pieno di formule e dopo averlo superato difficilmente ti ricapiterà di utilizzarle (a meno che non studi Statistica), e bon, pace, ce ne facciamo una ragione. Nel caso servissero hai sempre la possibilità di sbirciare sul libro e rinfrescarti la memoria.

Quello che un corso di laurea scientifico ti fornisce è proprio la forma mentis, l'abilità di risolvere problemi. Delle formule te ne fai ben poco se non conosci la loro "interpretazione".

Più problematico è invece se dimentichi i concetti matematici. Se non sai che cosa significa il termine varianza, be' è un problema. Se non sai qual è l'interpretazione dello scarto quadratico medio, è un problema. Tranquillo, questi li recuperi in un pomeriggio di ripasso!

Qual è il mio consiglio? Continua a studiare e all'occorrenza di concetti/formule che non ricordi, semplicemente ripassa. A furia di ripetere rimarranno nella tua testa per sempre ( e questa sembra una minaccia bella e buona emt ).
Ringraziano: Omega, Pi Greco, Galois, Iusbe, haiac

Facoltà scientifica e problemi di memoria #78131

avt
Omega
Amministratore
Da parte mia vorrei rassicurarti, Haiac, perché quello che ti poni è un non-problema.

Come ha già scritto l'ottimo Ifrit è normale che il cervello faccia spazio per nuove nozioni; ciò che conta, soprattutto in determinati ambiti scientifici, è la forma mentis che si acquisisce nel corso degli studi. La fatica, l'allenamento, i muscoli che fai al tuo cervello, la familiarità acquisita con determinate tipologie di ragionamenti... Sono questi gli aspetti fondanti di una formazione scientifica.

D'altra parte l'hai già intuito anche tu, devi solo averne piena consapevolezza:

So che esistono questi argomenti, se li rileggo li capisco al volo

e questo è ciò che conta. Quando entrerai nel mondo del lavoro, o comunque quando intraprenderai la tua tua carriera, riprenderai velocemente le nozioni che ti serviranno, le rifarai tue in un batter d'occhio e successivamente diventeranno veri e propri attrezzi di lavoro per semplice abitudine - la base su cui ragionare con la forma mentis delineata nel corso degli studi e poi consolidata sul campo.

Vai tranquillo, non sei Calimero: abbi fiducia in te e in quello che fai.
Ringraziano: Pi Greco, Ifrit, Galois, haiac

Re: Facoltà scientifica e problemi di memoria #78135

avt
haiac
Punto
Grazie per le risposte emt

Vi assicuro che cercavo da tempo risposte in lungo e in largo proprio perché mi sento un Calimero e ogni ripasso, seppur come dite oramai rapido perché non devo ri-ragionarci su, provoca in me un senso di smacco pazzesco.

Insomma mi sembra di lottare contro me stesso e perdere sempre! Seppur in effetti abbia ormai una buona forma mentis (rispetto a quando sono entrato all'uni) con delle ottime intuizioni, le informazioni perse da uno come me che ha nella vita quotidiana una memoria ferrea producono senso di "inferiorità".

Le formule sono le prime cose che si dimenticano perché non è il linguaggio a cui la nostra mente è abituata, giusto per farti capire cosa intendo è più facile ricordare il teorema di Weierstrass a parole

Non c'è nulla di più vero, forse dovrei più che altro fare un lavoro di accettazione... Ma non è facile.
  • Pagina:
  • 1
Os