Classico, scientifico o istituto tecnico?

Prima di postare leggi le regole del Forum. Puoi anche leggere le ultime discussioni.

Classico, scientifico o istituto tecnico? #40

avt
Csi
Luogotenente
Mi piacerebbe conoscere qual è stata la scelta degli utenti del forum, in particolare dei liceali stessi, e magari anche le motivazioni dietro a tale decisione. Visto che questo è il forum di YouMath la maggioranza verrà da uno scientifico...o no?
 
 

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #45

avt
LittleMar
Design
Ciao, ho già qualche giorno fa fatto una domanda di matematica, e solamente sta sera ho visto che c'è questo topic nel forum.

In terza media ho svolto il famoso test di "Arianna", che ti aiuta a scegliere il percorso più idoneo alle tue capacità.

Il risultato mi ha indirizzato verso le materie scientifiche, ed è questo uno dei principali motivi per cui ho optato per l'iscrizione ad un liceo scientifico con sperimentazione in matematica.

Purtroppo, durante il triennio, ho avuto una professoressa di matematica e fisica che mi ha portato ad una insofferenza verso le sue materie, dal momento che non possedeva nessun metodo adeguato di insegnamento e poiché non è stata in grado di rendere la matematica interessante.

Nonostante questo sono contenta e soddisfatta degli scelta presa, poiché spero che mi abbia fornito i presupposti per affrontare in modo sereno l'università scelta, ovvero architettura.

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #47

avt
Manila
Membro onorario dello Staff
Effettivamente la scelta di un indirizzo scolastico molte volte dipende da che tipo di professori si sono avuti nella precedente esperienza scolastica.

Sono un genitore. Mi sono iscritto al sito perché ho un figlio che ha iniziato quest'anno le superiori optando per lo scientifico e volevo un po' vedere cosa proponevate in queste pagine (egoisticamente pensando "chissà, magari risparmio qualche euro in ripetizioni...").

Dunque, innanzitutto preciso che la scelta è stata presa (ahimé, non lo nego!) anche a seguito di una certa pressione da parte mia perché ho sempre pensato che questo tipo di materie "apre la mente" e permette poi di proseguire meglio gli studi.

Parlando di matematica... Anche mio figlio, purtroppo, ha avuto un professore che (e con questo non voglio passare per il solito genitore per il quale "è sempre colpa del professore") non si è dimostrato all'altezza della situazione. Quindi scarso rendimento e scarsissimi risultati.

Ma, personalmente, non mi sono adagiato sulla solita frase "OH, mio figlio è proprio negato per la matematica!", ma durante l'estate l'ho affiancato (ovviamente tutti d'accordo) ad un laureando che l'ha aiutato molto ed anche rinfrancato.

Se questa sarà la scelta giusto lo vedremo in futuro, però vorrei dire ai ragazzi e genitori che, forse, leggeranno quanto sopra: NON FERMATEVI AL: SONO NEGATO PER LA MATEMATICA, provate a convincervi del contrario e affrontate la materia con vero interesse.

Forse, e qui concludo, ci vorrebbero professori un po' più "alla mano". Insegnare la matematica in modo un pochino spiritoso e in alcuni casi, consentitemelo, un po' leggero come nelle vostre lezioni, sarebbe oltremodo apprezzato dagli studenti.
Ringraziano: Eka, Deb

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #48

avt
Csi
Luogotenente
LittleMar ha scritto:
Il risultato mi ha indirizzato verso le materie scientifiche, ed è questo uno dei principali motivi per cui ho optato per l'iscrizione ad un liceo scientifico con sperimentazione in matematica.

Grazie della risposta LittleMar; mi incuriosisce la sperimentazione matematica del tuo liceo, non ne avevo mai sentito parlare.

Manila ha scritto:
Dunque, innanzitutto preciso che la scelta è stata presa (ahimé, non lo nego!) anche a seguito di una certa pressione da parte mia perché ho sempre pensato che questo tipo di materie "apre la mente" e permette poi di proseguire meglio gli studi.

La "pressione" può essere coercitiva o costruttiva, inutile dire quale sia preferibile. Son d'accordo anch'io che per un rapporto migliore con la società moderna sia migliore (sulla carta, quantomeno) un liceo scientifico. Ma sono aperto anche alle opinioni di chi ritiene il contrario.

Forse, e qui concludo, ci vorrebbero professori un po' più "alla mano". Insegnare la matematica in modo un pochino spiritoso e in alcuni casi, consentitemelo, un po' leggero come nelle vostre lezioni, sarebbe oltremodo apprezzato dagli studenti.
Cordialità

Lo consentiamo eccome, visto che il nostro obiettivo è esattamente questo. Fa piacere che sia arrivato il messaggio.
Ringraziano: Alpha

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #349

avt
Ifrit
Ambasciatore
All'epoca scelsi il Liceo Classico sperimentale, spinto da una spasmodica curiosità verso la lingua greca. L'ultimo anno di scuola media, mi ricordo che la mia insegnante di matematica mi supplicò di scegliere il Liceo Scientifico, perché a detta sua ero portato per la materia. Ho fatto la mia scelta, un po' pentendomi a dire il vero, ma nemmeno tanto. Una volta passato il quinquennio, non ho avuto dubbi sulla scelta universitaria: Matematica emt

Molti affermano che il classico non dia una sufficiente preparazione matematica, e in effetti è così. Posso dire però che una volta iniziata l'università, questa mia debole preparazione ha fatto sì che iniziassi con la giusta umiltà.
Ringraziano: Brin, matteo

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #350

avt
Omega
Amministratore
Molti affermano che il classico non dia una sufficiente preparazione matematica, e in effetti è così. Posso dire però che una volta iniziata l'università, questa mia debole preparazione ha fatto sì che iniziassi con la giusta umiltà.

Meglio, molto molto meglio scegliere il Classico se poi finisci con l'iscriverti a Matematica: impari un minor numero di nozioni sbagliate!
Ringraziano: Brin

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #352

avt
Ifrit
Ambasciatore
Omega ha scritto:
Meglio, molto molto meglio scegliere il Classico se poi finisci con l'iscriverti a Matematica: impari un minor numero di nozioni sbagliate!

Probabilmente hai ragione! Sappi però che anche al liceo Classico moltissime nozioni erano spiegate senza alcuna dimostrazione e con molta approssimazione. La mia insegnante, anzi i miei insegnanti di matematica, ci fornivano esclusivamente il metodo risolutivo degli esercizi tipici, il tutto era automatizzato da schemi, algoritmi aridi. Una volta giunto all'università ho compreso che la matematica è qualcosa di più, anzi un mondo di più!
Ringraziano: Brin

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #359

avt
Omega
Amministratore
Il fatto è che chi frequenta lo Scientifico finisce con la convinzione di aver imparato qualcosa di Matematica. Allo Scientifico si impara a risolvere degli esercizi secondo l'approccio "si fa così, ripeti un milione di volte"; Anche al Classico l'approccio è il medesimo, solamente che gli argomenti trattati sono molti di meno. Dunque, minore è la "contaminazione".

Il metodo scolastico ha la non trascurabile fallacia di illudere lo studente (che crede di aver imparato a ragionare) mentre in realtà non fa altro che irrigidire il libero utilizzo degli schemi logici.

Mi ricorderò per sempre la prima lezione di Analisi 1. Il professore disse: "Quanti di voi hanno studiato allo Scientifico?". La maggioranza degli studenti, me compreso, alzò la mano. "Bene, avrete studiato e visto tantissime cose di Matematica: dimenticatele."
Ringraziano: Brin

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #361

avt
Ifrit
Ambasciatore
Sì, non posso darti torto. Le contaminazioni sono state (molto) minori e forse è stato un bene. emt

In base alla mia esperienza, posso affermare che chi arriva "quasi" sufficientemente preparato è colui il quale ha frequentato l'ITIS, oppure il liceo scientifico PNI.

Re: Classico, scientifico o istituto tecnico? #365

avt
frank094
Maestro
Omega ha scritto:
Il fatto è che chi frequenta lo Scientifico finisce con la convinzione di aver imparato qualcosa di Matematica. Allo Scientifico si impara a risolvere degli esercizi secondo l'approccio "si fa così, ripeti un milione di volte"; Anche al Classico l'approccio è il medesimo, solamente che gli argomenti trattati sono molti di meno. Dunque, minore è la "contaminazione".

Il metodo scolastico ha la non trascurabile fallacia di illudere lo studente (che crede di aver imparato a ragionare) mentre in realtà non fa altro che irrigidire il libero utilizzo degli schemi logici.

Hai assolutamente ragione. Ti dico solo una cosa: ho avuto modo di osservare persone che cercavano di impararsi a memoria la formula del completamento dei quadrati per poi applicarla a x2 + 2x .. ( del tipo "facciamo Matematica il più meccanicamente possibile" ).

Le formule parametriche della Goniometria imparate a memoria per poi cadere sulla domanda: "E la t che rappresenta?".

Mi fermo qui con gli esempi, è meglio! Però ho notato che a questo comportamento tendono gli studenti e spesso e volentieri il prof non ha alcuna colpa, anzi!

Il problema è che se dopo anni di continui tentativi vede gli stessi studenti continuare con la Matematica Meccanica finisce inevitabilmente per convertirsi al "si fa così, ripeti un milione di volte".

Ifrit ha scritto:
Sì, non posso darti torto. Le contaminazioni sono state (molto) minori e forse è stato un bene . In base alla mia esperienza, posso affermare che chi arriva "quasi" sufficientemente preparato è colui il quale ha frequentato l'ITIS, oppure il liceo scientifico PNI.

Io frequento il PNI e posso dirti con certezza che molto dipende anche dai prof che ti capitano .. se è uno bravo e con una grande passione sicuramente sei avvantaggiato alla lunga dato che cerca in tutti i modi di farti ragionare e MAI fare perché "è così e basta"!

Ma posso dirti con altrettanta certezza che molti hanno scambiato il PNI per il "Piano Nazionale Italiano": chiedere al professore di Matematica di non interrogare perché il giorno precedente è stato interamente dedicato all' Italiano.

Questo mi porta a fare una "riflessione": Matematica la studi il giorno prima dell'interrogazione!?
Ringraziano: Brin
  • Pagina:
  • 1
  • 2
Os