Studio Mnemonico #176

avt
frank094
Maestro
Apro questo topic per discutere un po' con voi circa il metodo che adottate/adottavate per le materie che richiedono uno studio prettamente mnemonico.

Può essere un'ottima occasione per rifinire il proprio; io personalmente non ne adotto alcuno ben definito.

Questo sostanzialmente perché lo studio quasi-a-memoria non solo non mi piace ma mi annoia in pochissimo tempo specie se l'argomento non è di quelli (a mio parere) più interessanti.

Non vedo alcuna utilità nel sapere qualcosa completamente a memoria senza magari capire perché, come collegarlo con altri argomenti, ecc...

Voi che mi dite? Che metodo adottate/vate nello studio di materie che richiedono/evano un quasi-a-memoria (mappe, riassunti, ecc...)?
Ringraziano: Omega
 
 

Re: Studio Mnemonico #212

avt
Deb
Punto
Ciao Frank,

devo ammettere che ho sempre avuto delle difficoltà nello studio mnemonico perchè certamente risulta più noioso e, a volte, ti sembra di buttar via tempo.

Preferisco di gran lunga passare ore a ragionare su alcuni argomenti o problematiche e a fare esercizi!

Con il tempo ho capito che purtroppo è fondamentale! Magari inizialmente crederai che le cose studiate a memoria le dimenticherai in due giorni ma poi quando a distanza di tempo ti verrà chiesto qualcosa ti tornerà in mente e magari solo in quel momento capirai che forse ti è servito a qualcosa.

Certo il metodo è personale! Io quando devo studiare qualcosa a memoria trascrivo inizialmente tutto o quasi a mano e mi faccio un sacco di schemi per cercare di riuscire ad avere una linea guida!

A me per esempio aiutano tantissimo i colori e scrivere abbastanza piccolo in modo da aver maggiori contenuti in meno pagine possibili.
Ringraziano: Omega, frank094, xavier310, Julien

Re: Studio Mnemonico #213

avt
frank094
Maestro
Con il tempo ho capito che purtroppo è fondamentale! Magari inizialmente crederai che le cose studiate a memoria le dimenticherai in due giorni ma poi quando a distanza di tempo ti verrà chiesto qualcosa ti tornerà in mente e magari solo in quel momento capirai che forse ti è servito a qualcosa.

Questo è vero, però io penso che se una cosa ti torna in mente dopo tanti anni, specie se in relazione con altro, vuol dire che lo studio è stato efficace e l'argomento compreso.

Probabilmente mi son spiegato male prima: non mi lamento di materie che richiedono uno studio mnemonico ma della sempre più crescente richiesta del ripetere "come sta sul libro" .. questo non solo è estremamente limitante in quanto non ti consente neanche più di ragionare ma non ti risponde alla domanda "quanto ho capito veramente di questo argomento?".

Diciamo che sarebbe ben accetto un compromesso tra la parte memoria e la parte "quanto ci ho capito personalmente".
È chiaro che questo è un problema che raramente si verifica ma mentre scrivevo il topic non ho potuto fare a meno di parlarne (colpa mia sono andato un po' fuori!).

---

Tralasciando quindi questo "off" torniamo all'argomento principale: come ci si organizza per lo studio mnemonico.
Ti dirò .. i metodi che hai elencato li ho provati quasi tutti e bene o male l'unico che ho trovato ( anche se non lo adotto più ) efficace è proprio l'utilizzo di schemi. Sono più veloci da fare e con poche parole fanno tornare in mente quanto letto precedentemente.

[...] scrivere abbastanza piccolo in modo da aver maggiori contenuti in meno pagine possibili.

Una sorta di "Effetto Placebo"? emt
Ringraziano: Omega

Re: Studio Mnemonico #228

avt
Alpha
Cerchio
Ciao Frank, è sempre un piacere leggerti, ovviamente anche leggere per la prima volta te Deb.

Mi permetto di integrare la parentesi di Frank, lo studio mnemonico non va sottovalutato, è una risorsa abbastanza importante.

Riguardo alle richieste del tipo: dillo come è scritto sul libro, credo che l'intelligenza vera e propria risieda in qualche modo nella capacità mimetica, intendo dire, di adattamento.
Se un docente desidera che la lezione sia ripetuta pedissequamente abbiamo diverse possibilità: arrabbiarci perché il nostro ego è frustrato dalla richiesta che sembra assurda, oppure mostrare che sappiamo cavarcela anche con lo studio a memoria, che non è un'idea brutta a parere mio, e che forse è proprio l'obiettivo che il professore si è prefisso.

La dura realtà è che lo studio mnemonico non sarà per sempre solo un virtuosismo o un esercizio di stile: soprattutto studiando matematica arriveranno momenti in cui dovrete fare, almeno a me è capitato, degli atti di fede.

Capiterà di dover accettare definizioni che sembrano assurde per scoprirne il senso solo dopo qualche mese, non perché si è diventati improvvisamente più intelligenti, ma semplicemente perché dopo aver studiato l'argomento in profondità, (e a memoria in alcuni casi), si ottiene una visione globale che permette una lucidità e una razionalità maggiori, che a prima vista erano state messe in secondo piano rispetto alla ricerca intuitiva.

Detto questo, un ottimo metodo per quanto mi riguarda è quello di scomporre l'argomento in paragrafi sufficientemente brevi, senza schemi o riassunti, e ripeterlo fattorialmente, intendo dire:
studio il primo paragrafo e lo ripeto, studio il secondo e ripeto sia il primo che il secondo, dopo aver studiato il terzo ripeto i primi due e il terzo...

In questo modo, spendendo un po' di tempo si ha una memorizzazione sicura e radicata. Il problema è sempre lo stesso: avere tempo a sufficienza! emt
Ringraziano: Omega, frank094, Brin

Re: Studio Mnemonico #662

avt
LittleMar
Design
Ciao Frank, è davvero molto interessante il topic che hai aperto.

Io sto frequentando il primo anno di Architettura, e mi rendo solo ora conto che il metodo di studio usato fino all'anno scorso non è per niente adeguato. Ti spiego bene; ho avuto sempre l'abitudine di studiare attraverso degli schemi che scrivevo a computer dopo aver letto ogni singolo capitolo del libo (aggiungendoli agli appunto già presi a scuola), per poi ripetere due o tre volte tutta la lezione per formulare un bel discorso da esporre durante l'interrogazione.

Purtroppo le mie professoresse richiedevano uno studio molto preciso, e di conseguenza anche lo studio di materie come Letteratura o Filosofia si riducevano alla pura memoria.

Diciamo che fino all'anno scorso questo metodo ha funzionato e ha portato a dei buoni risultati, anche se mi rendo conto che ora come ora non è più utile, dal momento che mi richiedo troppo tempo che non ho più.

PS: ho fatto un giro nel forum e ho letto molte delle tue risposte ai quesiti di matematica che ti sono stati posti e devo dire che sono rimasta sbalordita e ti faccio i complimenti per le tue conoscenza matematiche!
Ringraziano: Omega, frank094

Re: Studio Mnemonico #676

avt
frank094
Maestro
Ti ringrazio per il tuo intervento!

[...] ho avuto sempre l'abitudine di studiare attraverso degli schemi che scrivevo a computer dopo aver letto ogni singolo capitolo del libro (aggiungendoli agli appunto già presi a scuola), per poi ripetere due o tre volte tutta la lezione per formulare un bel discorso da esporre durante l'interrogazione.

È senza dubbio un metodo assai proficuo per quanto riguarda la scuola superiore; specialmente prepararsi il discorso per la successiva interrogazione è molto utile ed aiuta a non formulare frasi sconnesse e non completamente in lingua italiana durante l'interrogazione stessa. emt

Personalmente ho provato anche a fare schemi con il pc ma perdevo più tempo a giocare con la formattazione del testo che a scrivere lo schema e studiarlo, quindi... abbandonato.

Purtroppo le mie professoresse richiedevano uno studio molto preciso, e di conseguenza anche lo studio di materie come Letteratura o Filosofia si riducevano alla pura memoria.

Sulla Letteratura mi va più o meno allo stesso modo dato che anche la mia professoressa richiede uno studio troppo preciso.

Filosofia, invece, mi rifiuto (e continuerò a farlo) di studiare a memoria (o quasi) un qualsiasi argomento dato che non mi sembra l'approccio corretto alla materia; prefersco leggere, rielaborare i concetti e formulare un discorso tutto mio; almeno questo è quello che penso. emt

PS: ho fatto un giro nel forum e ho letto molte delle tue risposte ai quesiti di matematica che ti sono stati posti e devo dire che sono rimasta sbalordita e ti faccio i complimenti per le tue conoscenza matematiche

Ti ringrazio!
Ringraziano: Omega

Re: Studio Mnemonico #1073

avt
904
Sfera
Vi posso consigliare un libro che mi è stato molto utile per imparare le cose velocemente e in poco tempo e in modo più efficiente: How to develop a perfect memory - Dominic O' Brien.
Ringraziano: Omega, frank094, nando

Re: Studio Mnemonico #3529

avt
paul spider
Cerchio
Neanche a me piace studiare a memoria ma quando proprio non posso farne a meno ho escogitato una serie di trucchi che provo a condividere.

La prima cosa da fare è capire che tipo di memoria si possiede, io per esempio sono soprattutto visiva e quindi mi aiuta molto compilare schemi e tabelle, ma preferisco farle a mano con carta e penna, evidenziatori colorati e disegnini, perché il processo manuale di scrittura coinvolge maggiormente la parte fisica, intendo dire corporea, (ho il vizio di gesticolare quando parlo..) perciò anche ricordare il movimento della mano mentre scrive mi aiuta a ricostruire la visione mnemonica dello schema che ho compilato.

Poi, per mettere in gioco anche la memoria audio, leggo e ripeto sempre ad alta voce, cercando naturalmente di "ascoltarmi" attentamente, si può anche registrare e riascoltare, magari mentre si fanno lavori manuali e lasciare così agire la memoria inconscia.

Quando recitavo e dovevo studiare una parte, ad esempio leggevo e ripetevo le mie battute camminando su e giù per il corridoio, perché ho notato che ci mettevo meno tempo a imparare di quando me ne stavo comodamente seduta, forse perché regolavo l'emissione vocale con la cadenza dei passi.

Un altro trucco vecchio come il mondo è sintetizzare con una frasetta stupida ma facile da ricordare, come ad esempio ai tempi delle elementari:

MA COn GRAn PENa LE REca GIU per le Alpi Marittime, Cozie, Graie ecc...

Per esempio studiando musica non riuscivo a farmi entrare in testa il circolo delle quinte, poi ho abbinato questo sistema alla visualizzazione ed è venuto fuori:

DO vedo le mie mani in atto di offrire qualcosa

SOL questo qualcosa è il sole

RE lo sto porgendo ad un monarca

LA MI SI FA(diesis) detto alla toscana, qualcuno mi imbroglia...

e con questo ho risolto le scale con i diesis in chiave, e per i bemolle non devo che ripetere l'invocazione: RE, LA MI SI FA e sapere che i diesis aumentano 0 1 2 3 4 5 6 e i bemolle decrescono 5 4 3 2 1 et voilà!

Scusa se ho usato esempi non matematici, spero di esserti stata utile. Ciao e buone feste!
Ringraziano: Omega, Pi Greco, frank094, nando

Re: Studio Mnemonico #3939

avt
frank094
Maestro
Ti ringrazio per il tuo intervento!

I consigli dati sono sicuramente ottimi perché la memoria è un argomento di grandissimo interesse, e per questo con tutta probabilità ordinerò il libro consigliato da 904.

È vero che la memoria visiva aiuta molto: avere sotto mano il libro, o ancora meglio le pagine incriminate, anche senza poter leggere nulla aiuta un bel po' e non lo dico solo in base alle mie personali esperienze ma anche a quello che ho potuto notare in classe.

Per quanto riguarda la memoria audio, personalmente non me ne faccio molto perché a ripetere ad alta voce proprio non ci riesco (paradossalmente non ho problemi a parlare da solo ma a ripetere sì); però mia cugina faceva largo utilizzo di questo specifico metodo e i risultati erano evidentemente ottimi!

Il trucchetto musicale è veramente bellissimo emt, io probabilmente non ne farò mai uso però potrà sicuramente tornare utile a qualcun altro!

Da quando ho aperto il topic è passato un bel po' di tempo e devo dire che faccio sempre meno ricorso allo studio mnemonico (a livello scolastico).

Molte materie, fortunatamente, richiedono di analizzare testi, formulare risposte in base a conoscenze acquisite qua e là, ecc... rendendo l'utilizzo della memoria quasi nullo.
La nostra professoressa di Italiano sembra però non aver capito che i collegamenti, le analisi, ecc... non si basano esclusivamente su quello che dice il libro ma anche sulla capacità dell'alunno/alunna di ragionare ed è questa che deve essere valutata.

È chiaro che le conoscenze sono importanti, ma non ci si può impuntare anche sulle date che, per inciso, mi rifiuto categoricamente di imparare.

Da quel che dico sembra che lo studio a memoria mi stia estremamente antipatico, ma non è così: mi piace esercitare la memoria su cose che mi interessano, meno su quelle che non mi interessano e per nulla sulle cose che non ha senso ricordare.

Un consiglio che mi sento di dare, sempre per esperienza altrui, è quello di studiare in gruppo (ovviamente escludendo eventuali elementi che porterebbero solo distrazione) perché ognuno può metterci del suo e i risultati possono essere a dir poco ottimi!

Oppure studiare argomenti che ancora non sono stati ancora affrontati se possibile: sembra una sciocchezza ma non è così; si studia meglio, non si ha la sensazione di fare qualcosa di forzato, e alla spiegazione del/della professore/essa non dovrai far altro che fissare quelle poche cose che ancora non ti erano chiare!
Ringraziano: Omega, paul spider, nando

Re: Studio Mnemonico #5287

avt
cichia
Cerchio
Concordo con quanto detto da Alpha.

A volte con certe definizioni bisogna fare atti di fede e le cose saranno chiare quando si affronterà magari l'esame successivo. Inoltre in matematica è indispensabile memorizzare per paragrafi cioè in ordine perché magari un teorema o anche solo una definizione a metà percorso presuppone diversi concetti che si trovano all'inizio. Quindi non tralasciare nulla è fondamentale - e le definizioni lo sono sempre.

Diverso per la memorizzazione finalizzata all'orale. Io ripetevo tutto ad alta voce a qualcuno- e qui devo accendere un cero a mia sorella e al mio ragazzo che si sono fatti i pomeriggi ad ascoltarmi ripetere esami come analisi funzionale, mentre io cercavo di spiegargli le dimostrazioni - TUTTE (cioè tutte quelle che studiavo emt ) poverini.

Perché per quanto mi riguarda una buona prova per vedere se hai capito bene qualcosa è vedere se lo sapresti spiegare a qualcuno!

Detto questo per date e poesie sono una frana indecente emt
Ringraziano: Omega, Pi Greco, frank094, Ifrit, nando
  • Pagina:
  • 1
  • 2
Os