Pareri su Ingegneria Matematica, Ingegneria Fisica e Matematica per l'ingegneria

Prima di postare leggi le regole del Forum. Puoi anche leggere le ultime discussioni.

Pareri su Ingegneria Matematica, Ingegneria Fisica e Matematica per l'ingegneria #68582

avt
Biro
Punto
Cosa ne pensate di Ingegneria Matematica, Ingegneria Fisica e Matematica per l'ingegneria?

Sono in quarta superiore, ed essendo indeciso tra Matematica, Fisica e Ingegneria pensavo che questi corsi di laurea potessero essere dei buoni compromessi per capire poi, una volta finita la triennale, in cosa specializzarmi con la magistrale.

Mi sorge un dubbio però: per caso questi corsi sono delle vie di mezzo che non portano a niente? Non vorrei che magari alla fine sono a metà tra un matematico/fisico e un ingegnere, e che questo mix non sia in realtà un qualcosa di inutile.

Confesso che il corso di studi che più mi attira è Fisica pura, però le prospettive di lavoro sono ben diverse da quelle di un ingegnere..
Inoltre non vorrei che magari cambiando da ingegneria fisica a fisica (esempio) io debba perdere un anno (immagino che ci sarebbero dei crediti da recuperare).

Grazie mille a tutti.
 
 

Pareri su Ingegneria Matematica, Ingegneria Fisica e Matematica per l'ingegneria #68685

avt
Omega
Amministratore
Ciao Biro,

personalmente non posso esprimermi in merito ai corsi che hai menzionato perché, da matematico puro quale sono, non ho mai avuto l'occasione di frequentarli.

A naso mi sembrano degli ibridi: non riesco a immaginarmi una forma mentis a metà strada tra il matematico e l'ingegnere o tra il fisico e l'ingegnere, anche perché matematici/fisici e ingegneri hanno un'impostazione e una metodologia pressoché antitetiche.

Parlando di certezze, sono intervenuto nella discussione per rassicurarti su questo punto

Confesso che il corso di studi che più mi attira è Fisica pura, però le prospettive di lavoro sono ben diverse da quelle di un ingegnere..

e a tal proposito riciclo la risposta che ho dato in questo topic - sbocchi lavorativi della Fisica - nella sua interezza.
Ringraziano: Pi Greco, Galois

Pareri su Ingegneria Matematica, Ingegneria Fisica e Matematica per l'ingegneria #68706

avt
Frances33
Punto
Da quel che ho sempre capito, gli ingegneri fisici dovrebbero essere coloro i quali hanno le competenze ingegneristiche per gestire gli attuali strumenti ad alta tecnologia. CERN, grandi laboratori in cui, probabilmente, c'è bisogno non solo una cultura prettamente ingegneristica, ma anche sulla fisica per la quale questi laboratori devono lavorare.

Io parlo da fisica pura, quindi ti parlo per sentito dire. Non ho contatti diretti con ingegneria fisica. Ho un amico che fa ingegneria matematica, sostanzialmente si concentrano più sugli aspetti computazionali che su quelli teorici.

Non so se ti sei già informato, ma ti lascio la descrizione di ingegneria fisica al Politecnico di Milano.

Il corso di laurea in Ingegneria Fisica ha come obiettivo la formazione di professionisti con una solida cultura ingegneristica di base ed un’approfondita preparazione nelle aree applicative della fisica moderna.
La trasformazione delle conoscenze scientifiche in nuova tecnologia e il trasferimento dell’innovazione nel sistema produttivo ormai rappresentano per molte aziende un passo obbligato: per rispondere a quest’esigenza è necessaria una figura d’ingegnere con un’ampia preparazione culturale di base e conoscenze aggiornate di fisica della materia, ottica, laser, tecnologie e strumentazioni fisiche.
Il corso intende pertanto formare figure professionali che si propongano come ingegneri dell’innovazione, in grado di gestire e progettare prodotti e processi ad elevato contenuto tecnologico ed innovativo in diversi settori industriali. Il percorso di studi prevede una solida formazione di base – con insegnamenti quali fisica, matematica, chimica, informatica – affiancata da una preparazione ingegneristica in elettronica, meccanica, automatica ed elettrotecnica. Nel corso del terzo anno vengono approfondite tematiche che consentono allo studente di orientarsi verso un’attività professionale rivolta alle applicazioni di interesse del settore dell’Informazione, con particolare riferimento alla fotonica e all’interazione radiazione-materia, o nell’ambito del settore Industriale, con particolare riferimento alla fisica della materia. La presenza nei vari insegnamenti di laboratori sperimentali consente inoltre di porre lo studente di fronte a problematiche concrete durante tutto il percorso formativo.

Gli sbocchi professionali dell’Ingegnere Fisico sono estremamente ampi e diversificati e comprendono tutti i settori della ricerca di base e applicata, nonché il vasto mondo delle industrie a elevata tecnologia dove queste conoscenze diventano realizzazioni industriali e prodotti di largo consumo. Esempi di possibili campi di applicazione sono la fotonica, l’industria elettronica, le telecomunicazioni, le applicazioni biomedicali, la produzione energetica e la tutela dell’ambiente.
I laureati in Ingegneria Fisica, previo superamento dell’Esame di Stato, possono iscriversi all’Albo dell’Ordine degli Ingegneri, con il titolo di Ingegnere Iunior.

Comunque ho visto ingegneri passare a fisica, penso che sia questione di recuperare probabilmente quei crediti più approfonditi che in ingegneria spesso vengono tralasciati, per concentrarsi sull'aspetto più pratico.
Ringraziano: Omega
  • Pagina:
  • 1
Os