Formule parametriche

Le formule parametriche, in Trigonometria, sono formule goniometriche che permettono di esprimere il seno ed il coseno di un angolo in funzione di un parametro definito dalla tangente, ed in particolare dalla tangente di metà di tale angolo.

 

In questo breve formulario enunceremo le formule parametriche del seno e del coseno. Dopo averle elencate passeremo direttamente alle dimostrazioni, che vi invitiamo a leggere con attenzione anche se non fossero richieste dal vostro professore.

 

Precisiamo subito che le applicazioni delle formule parametriche sono tantissime. Probabilmente per i primi tempi non avrete occasione di apprezzarne l'utilità, ma avrete modo di rivalutarle quando arriverete a studiare gli integrali. ;)

 

Formule parametriche per il seno e il coseno

 

Sia α un angolo.

 

Formula parametrica del seno

 

sin(α) = (2t)/(1+t^2)

 

Formula parametrica del coseno

 

cos(α) = (1-t^2)/(1+t^2)

 

In entrambi i casi le formule si ricavano imponendo come parametro

 

t = tan((α)/(2)) con α ≠ 180°+k360°

 

Leggendo le formule parametriche dovrebbe essere più chiara la descrizione che ne abbiamo dato ad inizio lezione. Considerando la tangente di α/2 come un parametro è possibile scrivere seno e coseno mediante semplici espressioni parametriche

 

Si capisce subito che le formule parametriche per seno e coseno valgono a patto che la tangente non perda di significato, ossia sono valide sotto la condizione

 

(α)/(2) ≠ 90°+k180° → α ≠ 180°+k360°

 

Volendo esprimere la precedente condizione di validità in radianti, le formule parametriche valgono per 

 

α ≠ π+2kπ, k ∈ Z

 

Utilità delle formule parametriche

 

Come vi abbiamo anticipato le formule parametriche sono di grande aiuto nelle applicazioni dell'Analisi Matematica, e tra queste diventano prominenti nel calcolo di diversi tipi di integrali

 

Nell'ambito della trigonometria si rivelano utili quando dobbiamo verificare identità goniometriche o risolvere equazioni goniometriche e disequazioni trigonometriche in cui compaiono seno e coseno. Non prendetele sotto gamba. ;)

 

Dimostrazione delle formule parametriche

 

Premettiamo che le dimostrazioni delle formule parametriche potrebbero sembrarvi un po' lunghe, ma è solo perché non vogliamo omettere alcun passaggio.

 

 

Dimostrazione della formula parametrica del seno

 

Partiamo dalla formula di duplicazione del seno

 

sin(2α) = 2sin(α)cos(α)

 

che possiamo pensare come

 

sin(2α) = (2sin(α)cos(α))/(1)

 

Facciamo riferimento alla relazione fondamentale della trigonometria (vedi formule trigonometriche)

 

cos^2(α)+sin^2(α) = 1

 

e sostituiamo l'espressione di 1 nella relazione precedente

 

sin(2α) = (2sin(α)cos(α))/(cos^2(α)+sin^2(α)).

 

Se supponiamo che sia

 

cos^2(α) ≠ 0 → α ≠ 90°+k 180°

 

possiamo dividere numeratore e denominatore per cos^2(α)

 

sin(2α) = ((2 sin(α)cos(α))/(cos^2(α)))/((cos^2(α)+sin^2(α))/(cos^2(α)))

 

da cui, semplificando e riorganizzando meglio il tutto

 

sin(2α) = ((2sin(α))/(cos(α)))/((cos^2(α))/(cos^2(α))+(sin^2(α))/(cos^2(α)))

 

A questo punto basta ricordare com'è definita la tangente

 

sin(2α) = (2 tan(α))/(1+tan^2(α))

 

e sostituire (α)/(2) → α e quindi 2α → α

 

sin(α) = (2tan((α)/(2)))/(1+tan^2((α)/(2)))

 

Per concludere poniamo t = tan((α)/(2)) e otteniamo

 

sin(α) = (2t)/(1+t^2)

 

 

Dimostrazione della formula parametrica del coseno

 

Per la dimostrazione della formula parametrica del coseno si procede esattamente allo stesso modo. Scriviamo la formula di duplicazione

 

cos(2α) = cos^2(α)-sin^2(α)

 

e pensiamola come

 

cos(2α) = (cos^2(α)-sin^2(α))/(1)

 

Grazie alla relazione fondamentale della trigonometria

 

cos^2(α)+sin^2(α) = 1

 

possiamo scrivere

 

cos(2α) = (cos^2(α)-sin^2(α))/(cos^2(α)+sin^2(α))

 

Supponiamo ora che sia

 

cos^2(α) ≠ 0 → α ≠ 90°+k 180°

 

per cui possiamo dividere numeratore e denominatore per cos^2(α)

 

cos(2α) = ((cos^2(α)-sin^2(α))/(cos^2(α)))/((cos^2(α)+sin^2(α))/(cos^2(α)))

 

Riscriviamo numeratore e denominatore dividendo termine a termine

 

cos(2α) = ((cos^2(α))/(cos^2(α))-(sin^2(α))/(cos^2(α)))/((cos^2(α))/(cos^2(α))+(sin^2(α))/(cos^2(α)))

 

Dopo una rapidissima semplificazione applichiamo la definizione di tangente, e arriviamo a

 

cos(2α) = (1-tan^2(α))/(1+tan^2(α))

 

Sostituiamo (α)/(2) → α e 2α → α

 

cos(α) = (1-tan^2((α)/(2)))/(1+tan^2((α)/(2)))

 

Concludiamo ponendo t = tan((α)/(2)) e arriviamo direttamente alla tesi

 

cos(α) = (1-t^2)/(1+t^2)

 

 


 

Nel formulario successivo proseguiremo con lo studio delle formule goniometriche, ma prima potete consultare la scheda correlata di esercizi svolti. Per tutto il resto - esercizi svolti, dubbi o domande - potete servirvi con la barra di ricerca interna. ;) 

 

 

Buon proseguimento su YouMath,

Giuseppe Carichino (Galois)

 

Lezione precedente.....Esercizi correlati.....Lezione successiva

 
 

Tags: formule parametriche per il seno e per il coseno.

 
pbtr