Soluzioni
  • Il termine computo deriva da computare, che significa calcolare, quindi effettuare un computo vuol dire svolgere un calcolo, un conteggio o un conto.

    In particolare, nell'ambito delle costruzioni edilizie, si dice:

    computo metrico il calcolo che accerta la quantità di materiale necessaria a realizzare un'opera;

    - computo estimativo il calcolo dei costi di realizzazione dell'opera.

    Potrebbe inoltre capitare di sentir parlare del computo ecclesiastico, inteso come l'insieme di conteggi che servono a determinare le date dell'anno in cui cadono alcune feste liturgiche che non ricorrono in date fisse.

    Esempi di computo

    1) Computo di giorni, settimane, mesi e anni.

    Effettuare il computo dei giorni vuol dire contare il numero di giorni tra due date, sommando il numero di giorni presenti in ogni mese e prestando attenzione al mese di febbraio, che ha 29 giorni negli anni bisestili e 28 in quelli non bisestili.

    Dopo aver svolto il calcolo dei giorni si può procedere:

    - al computo degli anni dividendo il numero di giorni per 365, che è il numero dei giorni in un anno;

    - al computo dei mesi dividendo il numero di giorni per 30, che nel calcolo dei mesi viene considerato come la durata media di ciascun mese dell'anno;

    - al computo delle settimane dividendo il numero di giorni per 7, che è il numero di giorni presenti in una settimana.

    Ad esempio il computo dei giorni tra il 15 novembre e il 15 dicembre dello stesso anno è 30, che equivalgono a 1 mese, 4,29 settimane e 0,08 anni.

    2) Computo metrico e computo estimativo.

    Supponiamo di voler tingere la parte esterna di un muro di confine avente una larghezza di 22 metri e un'altezza di 2,8 metri. Quanti secchi di pittura ci occorrono, sapendo che ogni secchio ha una resa di 18 metri quadri? Quanto spenderemo supponendo che ogni secchio ha un costo di 12,90 euro?

    La prima cosa da fare è calcolare i metri quadri della parete da tingere, moltiplicando la larghezza per l'altezza

    \mbox{Metri quadri parete} = (22 \mbox{ m}) \times (2,8 \mbox{ m}) = 61,6 \mbox{ m}^2

    Poiché un secchio di pittura ha una resa di 18 m2, per sapere quanti secchi ci servono dobbiamo dividere il numero di metri quadri della parete per la resa di un secchio

    \mbox{Numero secchi} = \frac{\mbox{Metri quadri parete}}{\mbox{Resa di un secchio}} = \frac{61,6 \mbox{ m}^2}{18 \mbox{ m}^2} \simeq 3,4

    Per essere sicuri di completare il lavoro di pitturazione dovremo quindi acquistare 4 secchi.

    Abbiamo così effettuato il computo metrico, determinando la quantità materiale necessaria per realizzare il progetto. Moltiplicando il numero di secchi per il costo di ciascuno (12,90 €) otterremo il computo estimativo

    4 \times (12,90 \ \euro) = 51,60 \ \euro

    3) Computo ecclesiastico.

    Uno tra i più classici esempi di computo ecclesiastico è il calcolo del giorno di Pasqua, che viene effettuato nel modo seguente:

    - si considera il giorno di luna piena successivo al 21 marzo, giorno adottato convenzionalmente dalla chiesa come equinozio di primavera.

    - la domenica successiva è il giorno di Pasqua.

    Risposta di Galois
MEDIEGeometriaAlgebra e Aritmetica
SUPERIORIAlgebraGeometriaAnalisiVarie
UNIVERSITÀAnalisiAlgebra LineareAlgebraAltro
EXTRAVita quotidiana
Domande della categoria Problemi quotidiani di Matematica e Fisica
  • 1
    Risposta
    In Problemi quotidiani di Matematica e Fisica, domanda di FAQ
  • 1
    Risposta
    In Problemi quotidiani di Matematica e Fisica, domanda di FAQ
  • 1
    Risposta
    In Problemi quotidiani di Matematica e Fisica, domanda di FAQ
  • 1
    Risposta
    In Problemi quotidiani di Matematica e Fisica, domanda di FAQ
  • 1
    Risposta
    In Problemi quotidiani di Matematica e Fisica, domanda di FAQ