Soluzioni
  • L'ovest è uno dei quattro punti cardinali fondamentali, si indica con la lettera O maiuscola (o con la W maiuscola, dall'inglese West) ed è anche conosciuto coi nomi Occidente o Ponente. Il punto cardinale ovest è opposto all'est e la direzione che li congiunge è perpendicolare a quella individuata dai punti cardinali nord e sud.

     

    Ovest punto cardinale

    Punto cardinale ovest.

     

    In riferimento al punto cardinale ovest non ha senso parlare di destra o di sinistra, infatti tutto dipende dalla posizione dell'osservatore:

    - per un osservatore con lo sguardo rivolto verso il punto cardinale nord, l'ovest è alla sua sinistra;

    - per un osservatore rivolto verso il punto cardinale sud, l'ovest è alla sua destra;

    - per un osservatore con lo sguardo verso il punto cardinale est, l'ovest è alle sue spalle.

    Come si trova l'ovest

    Per individuare il punto cardinale ovest si può usare una bussola, servirsi del Sole o ancora basarsi sull'osservazione delle stelle. Qui di seguito abbiamo spiegato come procedere a seconda dei casi.

    Trovare l'ovest con la bussola

    La bussola è lo strumento più usato per orientarsi, soprattutto quando ci si trova nei boschi o in mare aperto e dunque non si dispone di alcun riferimento fisso. La maggior parte delle bussole è formata da un ago con un'estremità colorata e libero di ruotare su un perno.

    Indipendentemente dalla nostra posizione, l'ago di una bussola indica sempre la direzione nord magnetico - sud magnetico. In particolare l'estremità dell'ago di colore rosso (o eventualmente nero) punta sempre verso il nord magnetico, di conseguenza disponendo la bussola in prossimità del petto e girandoci nella direzione indicata dall'ago siamo orientati verso nord.

    Distendendo le braccia, così come mostrato nella seguente figura, l'ovest è nella stessa direzione del braccio sinistro.

     

    Dove si trova l'ovest

    Come individuare il punto cardinale ovest.

     

    Volendo essere più precisi è bene specificare che il punto cardinale nord è il nord geografico (il punto immaginario di intersezione tra l'emisfero boreale e l'asse di rotazione terrestre), e che esso non coincide con il nord magnetico indicato dalla bussola.

    Tale inconveniente può essere risolto consultando una cartina del luogo in cui ci si trova e leggendo il valore di declinazione magnetica, che è la misura dell'angolo tra il nord magnetico e il nord geografico.

    Correggendo l'indicazione della bussola con il valore di declinazione magnetica avremo l'indicazione precisa del punto cardinale nord, e quindi ruotando di 90° verso sinistra ci troveremo con lo sguardo diretto al punto cardinale ovest.

    A seconda dei nostri scopi possiamo, in alternativa, approssimare il nord magnetico con il nord geografico, dunque guardare nella direzione nord indicata dalla bussola e ruotare verso sinistra di 90°. Così facendo avremo individuato la direzione ovest in modo spannometrico.

    Per tutti gli approfondimenti sulla differenza tra nord magnetico e nord geografico puoi leggere la pagina sul punto cardinale nord.

    Trovare l'ovest con il Sole

    Tutti sanno che il Sole sorge a est e tramonta a ovest. Questa informazione è molto utile per trovare l'ovest basandosi sull'osservazione del Sole, infatti:

    - nelle prime ore dell'alba, guardando verso il Sole siamo rivolti in direzione est e di conseguenza l'ovest è alle nostre spalle;

    - nelle ore prossime al tramonto, guardando verso il Sole siamo rivolti verso ovest.

    Nelle ore centrali della giornata per individuare l'ovest basta piantare un bastoncino nel terreno e segnare il punto in cui termina la sua ombra. Dopo circa 30 minuti l'ombra si sarà spostata e segneremo nuovamente il punto in cui termina.

    A questo punto si deve disegnare una freccia diretta dal secondo punto al primo. Poiché il Sole si muove da est verso ovest, l'ombra del bastoncino si sarà mossa da ovest verso est e quindi la freccia punterà nella direzione e nel verso del punto cardinale ovest.

    Purtroppo anche questo metodo non è esatto al 100%, infatti il Sole sorge e tramonta esattamente in corrispondenza dei punti cardinali est e ovest solamente nei giorni degli equinozi. Negli altri giorni dell'anno il Sole sorge e tramonta in una posizione leggermente spostata sia rispetto all'est che rispetto all'ovest. In ogni caso le precedenti osservazioni forniscono un metodo di orientamento sufficientemente attendibile.

    Qualora volessi approfondire: dove sorge e dove tramonta il Sole.

    Trovare l'ovest con le stelle

    Se vogliamo individuare l'ovest in una notte stellata possiamo servirci della Stella Polare nell'emisfero boreale (emisfero a nord dell'equatore) e della Croce del Sud nell'emisfero australe (emisfero a sud dell'equatore).

    Onde evitare di far confusione distinguiamo i due casi.

    • Trovare l'ovest con la Stella Polare

    La Stella Polare indica sempre la direzione nord a ogni osservatore in grado di vederla. Dopo averla individuata, abbassando lo sguardo verso l'orizzonte saremo rivolti in direzione nord, e per trovare l'ovest dovremo girarci verso sinistra di 90°.

    Con questa premessa non resta che capire come riconoscere la Stella Polare tra le miriadi di stelle visibili nella volta celeste.

    La Stella Polare è situata alla coda del Piccolo Carro, un gruppo di sette stelle nella costellazione dell'Orsa Minore, e si trova nella direzione individuata dalle due stelle in cima al Grande Carro, che è un altro gruppo di stelle formato dai sette astri più brillanti della costellazione dell'Orsa Maggiore.

    La seguente immagine, del tutto indicativa, mostra come riconoscere la Stella Polare.

     

    Sud e stella polare

    Trovare l'ovest con la Stella Polare.

     

    • Trovare l'ovest con la Croce del Sud

    Per trovare l'ovest nell'emisfero australe si deve fare affidamento alla Croce del Sud, una costellazione formata da cinque stelle disposte a forma di croce.

     

    Croce del Sud

    Trovare l'ovest con la Croce del Sud.

     

    Dopo averla riconosciuta si deve unire con un segmento immaginario la stella "più alta" (γ Crucis) con quella "più bassa" (α Crucis) e prolungarlo di 5 volte seguendo la stessa direzione e lo stesso verso.

    Abbassando lo sguardo verso l'orizzonte saremo diretti verso il punto cardinale sud, e quindi avremo l'ovest alla nostra destra.

    Vento da ovest

    I punti cardinali sono usati nella misurazione del vento e servono a esprimere la direzione del vento, che per definizione è il punto cardinale da cui il vento soffia (attenzione: non quello verso cui è diretto!).

    Nell'area mediterranea a ogni direzione, e quindi a ogni punto cardinale di provenienza, è associato uno specifico nome del vento. In particolare il vento da ovest è quello che soffia dal punto cardinale ovest e prende il nome di Ponente.

    Il Ponente è un vento che proviene dal mare, motivo per cui è abbastanza mite e piuttosto umido. Il suo nome deriva dal participio presente del verbo latino ponere, che letteralmente significa porre, ma che nella tarda latinità ha assunto il significato di tramontare. Come già ricordato, infatti, il punto cardinale ovest è quello che comunemente indica il punto in cui il Sole tramonta.

    ***

    Non abbiamo altro da aggiungere, se non concludere con una tabella di riepilogo sui punti cardinali:

     

    NordNord-est
    EstSud-est
    SudSud-ovest
    OvestNord-ovest
    Risposta di Galois
 
MEDIEGeometriaAlgebra e Aritmetica
SUPERIORIAlgebraGeometriaAnalisiAltro
UNIVERSITÀAnalisiAlgebra LineareAlgebraAltro
EXTRAPilloleWiki
 
Esercizi simili e domande correlate
Domande della categoria Coordinate e scale