Soluzioni
  • In generale si parla di un moto di rotazione intorno a un asse, detto asse di rotazione, quando un corpo compie un movimento continuo che lo porta a effettuare rotazioni complete intorno all'asse.

    Nel caso dei pianeti e dei corpi del Sistema Solare in rotazione attorno al Sole, il moto di rotazione è periodico e caratterizzato da un intervallo di tempo, detto periodo di rotazione, necessario per compiere una rotazione completa.

    Il moto di rotazione può avvenire in senso orario o antiorario: nel caso dei pianeti del Sistema Solare, per convenzione viene considerato come moto di rotazione diretto o normale quello che avviene in senso antiorario, perché tale è il moto di rotazione del Sole attorno al proprio asse, nonché il verso del moto di rivoluzione di tutti i pianeti intorno al Sole

    La maggior parte dei pianeti presenta una rotazione diretta intorno al proprio asse, ad eccezione di Venere e Urano che presentano un moto di rotazione retrogrado, cioè in verso orario ed opposto quindi al proprio moto di rivoluzione.

    Nella seguente immagine un dettaglio sul moto di rotazione e rivoluzione della Terra.

    Moto di rotazione e rivoluzione

    Rotazione terrestre

    Il moto di rotazione terrestre avviene lungo un asse (asse terrestre) inclinato di circa 23°27' rispetto alla perpendicolare al piano dell'eclittica, con un periodo di rotazione detto giorno sidereo pari a 23 ore 56 minuti e 4 secondi e con una velocità di rotazione pari a 4,6 m/s circa.

    Il giorno sidereo, vale a dire il tempo necessario per effettuare una rotazione completa, non va confuso con il giorno solare, che dura in media 24 ore e che è definito come l'intervallo di tempo necessario affinché su uno stesso meridiano il Sole si ripresenti con lo stesso angolo di elevazione al di sopra dell'orizzonte.

    La conseguenza principale della rotazione terrestre attorno al proprio asse è l'alternanza tra il dì e la notte: il dì è la parte del giorno in cui un dato un punto di osservazione riceve la luce del Sole e dura dall'alba al tramonto (i rispettivi momenti in cui il Sole sorge e tramonta), mentre la notte è la parte del giorno in cui il punto di osservazione non riceve la luce solare, e dura dal tramonto all'alba.

    Il dì e la notte scandiscono il moto di rotazione della Terra ed hanno una durata variabile nel corso di un anno; tale durata dipende dalla posizione della Terra lungo la propria orbita intorno al Sole. Ciò è dovuto all'inclinazione dell'asse di rotazione terrestre, la quale non permette alla luce solare di raggiungere la superficie in modo omogeneo mentre la Terra percorre la propria orbita.

    In altri termini, l'inclinazione dell'asse è la causa dell'alternanza delle stagioni.

    Nella seguente immagine viene presentata un'animazione del moto di rotazione terrestre.

    Moto di rotazione terrestre

    Nella seguente tabella riportiamo i periodi di rotazione e le relative velocità dei principali corpi del sistema solare

    Corpo celeste

    Periodo di rotazione

    Velocità di rotazione (all'equatore)

    Sole

    Rotazione differenziale

    27 g 6 h 36 min all'equatore

    28 g 4 h 48 min a 30° di latitudine

    30 g 19 h 12 min a 60° di latitudine

    31 g 19 h 12 min a 75° di latitudine

    1.993 m/s

    Mercurio

    58 g 15 h

    3,0256 m/s

    Venere

    243 g

    1,81 m/s

    Terra

    23,9345 h

    465,11 m/s

    Luna (satellite)

    27 g 7 h 43 min 12 s (mese sidereo)

    4,627 m/s

    Marte

    24 h 37 min 23 s

    241,17 m/s

    Giove

    9 h 55 min 29,7 s

    12.580 m/s

    Saturno

    10 h 47 min 6 s

    9.870 m/s

    Urano

    17 h 14 min 24 s

    2.590 m/s

    Nettuno

    16 h 6 min 36 s

    2.680 m/s

    Plutone (pianeta nano)

    6 g 9 h 17 min 36 s

    13,11 m/s

    Risposta di Omega
 
MEDIE Geometria Algebra e Aritmetica
SUPERIORI Algebra Geometria Analisi Varie
UNIVERSITÀ Analisi Algebra Lineare Algebra Altro
EXTRA Vita quotidiana
Esercizi simili e domande correlate
Domande della categoria Superiori-Senza categoria