Soluzioni
  • Dunque, quando si parla di punto di massimo relativo si fa riferimento all'ascissa che determina il valore di massimo relativo per la funzione. Quando si parla di massimo relativo si fa invece riferimento al valore massimo relativo assunto dalla funzione (ordinata).

    In parole povere

    f:\mbox{Punto-Max-Relativo}\to \mbox{Max Relativo}

    e si usa una terminologia analoga nel caso dei minimi.

    Dai un'occhiata qui: massimi e minimi assoluti e relativi (per funzioni reali di variabile reale).

     

    Occhio però: se consideri la funzione f(x)=x^2 ristretta all'intervallo [0,2], il punto x=2 è anche un punto di massimo assoluto, non solo relativo...Wink

    Namasté!

    Risposta di Omega
  • Tutto chiaro :D Grazie mille!

    Risposta di OxRock
MEDIEGeometriaAlgebra e Aritmetica
SUPERIORIAlgebraGeometriaAnalisiVarie
UNIVERSITÀAnalisiAlgebra LineareAlgebraAltro
EXTRAVita quotidiana
Esercizi simili e domande correlate
Domande della categoria Uni-Analisi