La nostra storia

Prima di raccontare la storia di YouMath, come e perché è nato e come è cresciuto, è opportuno parlare brevemente del presente e del futuro...

 

 

Info YouMath

 

 

L'ultimo passaggio di livello è avvenuto a Gennaio 2018 - Click sull'immagine per ingrandire, in alternativa il report completo di G-Analytics è disponibile qui. Il report storico dell'evoluzione di YouMath è disponibile qui.

 

 

Dati Google Analytics Gennaio 2018

 

Periodo: 01/01/2018 → 31/01/2018

Visitatori unici assoluti: 3.259.185

Visitatori unici medi su base giornaliera: 168.433

Sessioni: 6.871.261

Pagine viste: 15.710.586

 

La storia di YouMath

 

Tutto è cominciato con una mano rotta.

 

Dicembre 2010. Dopo aver sentito il parere di un paio di medici dovevo decidere se farmi operare o no. C'erano opinioni discordanti in merito e portare un paio di chiodi nella mano per più di un mese non è esattamente il massimo della vita. Così, giusto per farmi un'idea, mi informai su Internet e mi ritrovai su un sito in cui utenti anonimi chiedevano pareri riguardo al proprio stato clinico. Ero consapevole del fatto che una pagina web non può essere una consulenza medica, lo facevo per pura curiosità.

 

Per l'esattezza il sito era Medicitalia.it e in quel momento era inconsapevolmente nata dentro di me l'idea di YouMath.

 

Ero conscio dell'esistenza di portali di assistenza allo studio e di domande e risposte, ma sapevo anche che nessuno di questi si proponeva obiettivi professionali. Internet era ed è un mondo libero il che, automaticamente, si traduce nell'immaginario collettivo in zero responsabilità e nulla di dovuto. L'idea di un luogo a gestione collettiva è bella ma sfortunatamente l'onere di tutti diventa automaticamente l'onere di nessuno.

 

Già all'epoca avevo una Laurea in Matematica e da diversi anni aiutavo gli studenti a recuperare e a studiare. Tutti o quasi apprezzavano il mio approccio e lo definivano originale. Pensai che forse era il momento di raccontare a tutti la mia idea della Matematica e della didattica online.

 

Le buone idee però per definirsi tali devono superare l'entusiasmo iniziale e sopravvivere alla notte. Per togliere ogni dubbio decisi di aspettare qualche mese...

 

Maggio 2011. Continuavo a pensarci e l'idea continuava a sembrarmi buona, anzi migliore: era il momento di darsi da fare. All'epoca non avevo alcuna competenza nel mondo web. Zero. Nulla. Non sapevo nemmeno come si registrasse un dominio. Ne parlai ad un collega universitario (altrettanto negato nel mondo del web) e gli chiesi se volesse partecipare. L'idea gli piacque, così ci mettemmo all'opera: iniziammo intense sedute di brainstorming tutte fondate sul punto cardinale che avevo proposto: YM avrebbe dovuto essere completo, organizzato e diverso da tutti gli altri. Responsabile di se stesso, rispettoso degli utenti e soprattutto avrebbe dovuto fornire risposte in tempo reale a studenti di Medie, Superiori e universitari. Il tutto gratuitamente.

 

Tra la scrittura delle lezioni, analisi strutturali e sogni di conquista mi barcamenavo per imparare quanto più potevo a livello web e programmazione. Cosa serviva per trasformare un progetto web in una realtà? Da autodidatta entusiasta fagocitavo qualsiasi informazione fosse disponibile sulla rete. Il web che ti istruisce ad ampliare il web, pura poesia.

 

Fissammo come giorno del lancio il 20 Settembre 2011. Dopo 3 mesi (addio vacanze!) YouMath era pronto per andare online. Purtroppo è impossibile riassumere qui ed ora l'insieme di eccitazione, difficoltà, problemi e imprevisti cui andammo incontro. L'unica sintesi che mi viene in mente è: "faticoso, ma fantastico". Purtroppo il mio socio non era del medesimo avviso e la sua personalissima descrizione di YouMath si limitava al "faticoso". Si stancò progressivamente del progetto e mi lasciò progressivamente sempre più solo. Durò tre mesi, dopodiché si chiamò fuori.

 

Eppure, in mezzo a mille difficoltà YouMath viveva, funzionava e cresceva.

 

Fu così che, un bel giorno, lui bussò. Salvatore (nomen omen), matematico calabrese che all'epoca aveva 29 anni, era un grandissimo conoscitore dei siti di didattica della Matematica e non. Era pervaso da una grande passione per la Matematica e da un amore sconfinato per la didattica. Arrivò su YM da normale visitatore, si registrò e iniziò a partecipare attivamente alla crescita del sito. Viveva a più di 1000 Km di distanza da me e pur essendo un perfetto sconosciuto mi diede un supporto determinante. Non esitai nemmeno mezzo secondo e gli diedi le chiavi di casa: gli proposi di diventare amministratore di YouMath e accettò.

 

Da allora ha dato anima e corpo al nostro progetto.

 

Ci organizzavamo e ragionavamo insieme parlando su Skype. YouMath continuava ad essere faticoso ma funzionava benone e cresceva giorno dopo giorno. Non traevamo un profitto da ciò che facevamo, semplicemente ci piaceva farlo ed avevamo una fiducia incondizionata nel fatto che un giorno ci avrebbe condotti da qualche parte.

 

Giugno 2012, a meno di un anno di distanza dalla fondazione, avevamo evaso qualcosa come 8000 richieste di cui 5000 in tempo reale. Avevamo dato consulenze gratuite a migliaia di studenti, spiegazioni che nel frattempo si rivelavano di aiuto a centinaia di migliaia di altri studenti. E quando parlo di consulenza, intendo qualcosa di questo tipo.

 

I giorni passavano e nel frattempo ci fu un'altra ottima novità. Luigi, ex docente di Fisica (ex sulla carta ma attivissimo nello spirito) si era unito a noi: si prendeva carico delle richieste di Fisica e le evadeva con tutta la propria esperienza. Lo faceva per non perdere la mano e per il puro piacere di aiutare studenti in difficoltà.

 

Nell'Estate del 2012 Salvatore ed io prendemmo una decisione necessaria: a fronte del crescente numero di richieste non potevamo più garantire risposte in tempo reale. Avremmo continuato ad aiutare gli studenti ma senza vincoli temporali, il che significava ricevere una risposta in due-tre ore anziché in mezz'ora. Nel frattempo ampliavamo i nostri orizzonti, arricchendo i contenuti frontali ed elaborando nuove strategie didattiche. Volevamo raggiungere un pubblico sempre più vasto con servizi e contenuti sempre più completi.

 

Nell'Ottobre del 2012 un altro colpo di fortuna. Grazie ad una conoscenza in comune entrai in contatto con un vero e proprio guru del web, non a caso un altro Salvatore. Parlo di Salvatore Pugliese, Condottiero di finanzaonline.com, i cui preziosi consigli ci hanno permesso di affinare le nostre strategie a 360°.

 

Gennaio 2013 comparve colui che attualmente è il terzo amministratore di YouMath, Giuseppe. Arrivò in modo del tutto analogo rispetto a quello di Salvatore: nella notte, di soppiatto e senza particolari piani di conquista. Il suo spirito e la sua partecipazione lo resero ben presto un tassello irrinunciabile nella vita del sito, tant'è che in tempi brevissimi convenimmo di chiedergli di unirsi a noi. Iniziò a prendere YM come un vero e proprio impegno. Aveva un approccio molto positivo, proponeva e ragionava insieme a noi. Analizzava insieme a noi i principi didattici del sito e insieme a noi li perfezionava. Era diventato un vero e proprio membro della squadra.

 

Da allora abbiamo sempre collaborato al nostro progetto, in telelavoro. Abbiamo lavorato duramente analizzando tonnellate di dati e abbiamo smantellato e rielaborato le nostre idee dozzine di volte. Abbiamo sempre voluto dare il miglior prodotto possibile senza dare mai nulla per scontato.

 

Da allora ad oggi sono successe tante altre cose belle, ma non voglio stare qui ad annoiarvi. ;) Posso riassumere il tutto dicendovi che, a Febbraio 2017, con 2,5 milioni di utenti unici YouMath è diventato il secondo sito didattico più studiato d'Italia. Con una particolarità: un sito monodisciplinare in mezzo a una marea di siti multidisciplinari. Non male, che ne dite? :)

 

Abbiamo grandi progetti in cantiere. Alcuni di essi sono di realizzazione più o meno immediata, altri richiedono un impegno economico non indifferente. Lo scopo è sempre lo stesso: introdurre strumenti didattici innovativi.

 

Direi che è tutto. O forse no. In effetti ora che ci penso non vi ho ancora detto chi siamo. :)

 

Sono Fulvio Sbranchella, ho 31 anni e ho la fortuna di collaborare con Salvatore Zungri, 34 anni e Giuseppe Carichino, 30 anni. Ciò che ci accomuna è la nostra feroce determinazione. Ci avvaliamo delle capacità grafiche di Martina Mantello, della competenza di Luigi La Monica e della capacità di coordinamento di Tina Quartieri.

 

Insieme formiamo un gruppo di persone che ha fatto della didattica online la propria missione. Ci riteniamo, senza falsa modestia, tra i più profondi conoscitori dell'e-learning in Italia. Ogni momento, feriale o festivo, notte o giorno, è un'occasione per ragionare e discutere per migliorare quello che facciamo. Crediamo nel potere dell'organizzazione. Siamo un gruppo di amici che non hanno né orari né vacanze perché il nostro è più di un lavoro: abbiamo sposato un'idea e da che mondo è mondo non esistono coniugi a tempo parziale.

 

Non ci piacciono le conferenze né gli eventi per start-up, non ci piace mostrare le nostre facce perché riteniamo non sia importante chi siamo, ma cosa e come lo facciamo. Con ogni probabilità, se non hai più dovuto studiare Matematica o Fisica negli ultimi tempi, non avrai la più pallida idea di cosa sia YouMath... Ma prova a chiedere a un qualsiasi studente e lo scoprirai. ;)

 

Che cosa amiamo del nostro lavoro, e perché lo facciamo con tanta passione?

Perché è utile a milioni di persone? Forse.

Perché ci ha permesso di creare un lavoro in tempi in cui il lavoro è una chimera? Può darsi...

 

... Ma il vero motivo è un principio di bellezza. Dare un'informazione, una spiegazione a un perfetto sconosciuto e fare in modo che essa sia veramente utile. Una risposta data tanti mesi fa in una notte d'inverno, raggiunge uno studente a centinaia di chilometri di distanza in una mattina primaverile. Persone diverse che entrano in contatto per una manciata di minuti e che comunicano al di fuori del tempo e dello spazio. Questa è la vera bellezza di Internet e di quello che facciamo. Questa è la vera natura di YouMath ed è ciò che più amiamo di esso. :)