Controllare i parametri vitali

Controllare parametri vitali

Premessa della Redazione: in questa guida il nostro carissimo Iusbe - volontario della Croce Rossa nonché utente molto speciale di YouMath - ci dà alcune indicazioni sul controllo dei parametri vitali.

 

 

DISCLAIMER: questo articolo NON sostituisce e non intende sostituire le informazioni mediche fornite da dottori, medici e specialisti. È una guida a puro scopo illustrativo.

 

Alcune indicazioni utili sul controllo dei parametri vitali

 

Ecco qualche semplice metodo per tenere sotto controllo i vostri parametri vitali, tutte le volte che volete. :)

 

 

Controllo della frequenza cardiaca

 

Controllare il polso

 

- Prendere il polso radiale (si chiama così poiché è nella zona vicino al radio);

- guardando un orologio o un cronometro, contare i battiti cardiaci per 15 secondi;

- moltiplicare per 4 i battiti rilevati.

 

Il numero ottenuto è quello inerente alla vostra frequenza cardiaca.

 

Nel caso non trovaste il polso radiale, potete sempre cercare quello carotideo.

 

Controllare battito cardiaco sulla carotide

 

 

Contare gli atti respiratori

 

- Posare una mano sul torace;

- contare gli atti respiratori per 15 secondi;

- moltiplicare per 4.

 

Il numero ottenuto è quello inerente agli atti respiratori in un minuto.

 

 

Prendere la pressione arteriosa

 

Controllare la pressione

 

- Scoprire il braccio ed applica il bracciale sopra il gomito;

- inserire fonendoscopio nella parte interna del gomito;

- rilevare il polso radiale sulla linea del pollice con le dita lunghe della mano;

- gonfiare il bracciale fino a quando scompare il polso radiale;

- sgonfiare lentamente il bracciale;

- rilevare l'inizio e l'aumento del tono dei battiti cardiaci (Pressione massima);

- rilevare il calo e l'assenza del tono dei battiti cardiaci (Pressione minima);

- sgonfiare completamente il bracciale e rimuovere il manicotto.

 

In seguito ecco invece i valori standard di una persona adulta in condizioni fisiche normali.

 

Frequenza cardiaca: 60-80 battiti al minuti.

Se >120 si ha tachicardia.

Se <60 si ha bradicardia.

 

Frequenza respiratoria: 12-16 atti al minuto.

Se >20 tachipnea.

Se <10 bradipnea.

Se il respiro è normale si parla di eupnea.

 

Iusbe

 

Articolo precedente