Ascoltare è un dono raro

Ascoltare

Quante volte è capitato di sentirsi dire:

"Ciao come stai?"

E rispondere:

"Tutto bene anche se..."

STOP.

 

Già dopo il Tutto bene, l'interlocutore che ha iniziato la conversazione non vi sta più ascoltando. È solo una domanda di cortesia, non gli interessa davvero come state...

 

Ascoltare per finta e ascoltare per davvero

 

Ormai è un'usanza diffusa. In questo mondo sempre più frenetico abbiamo imparato ad usare solamente frasi fatte per domandare, e di conseguenza ottenere, ciò che vogliamo. Anche solo per risultare cortesi e amichevoli.

 

Il resto è superfluo.

 

La capacità di ascoltare è ormai perduta. Ma non quella di parlare. Il che è un fatto curioso poiché prima di parlare bisognerebbe ascoltare, eppure non è assolutamente così.

 

Tante, fin troppe volte è capitato di vedere persone che si introducevano in un discorso senza nemmeno aver ascoltato e compreso la tesi, ed iniziando così monologhi senza fine dove raccontano fatti personali che magari non c'entrano nulla. Sembra quasi una forma pura di egocentrismo. Poi, una volta finito il teatrino, l'attore come è arrivato se ne va e con lui il filo del dialogo che si era creato, rovinando tutto.

 

Ma se la gente si sforzasse anche solo un attimo di tacere, si accorgerebbe di una profonda verità: ciò che viene detto non rispecchia quasi mai la realtà. Perché se si tronca un discorso sul nascere, hai solamente sentito l'introduzione. Non il discorso stesso.

 

È un po' come aprire un libro giallo, leggere i primi cinque capitoli e poi chiuderlo, dicendo che si sa chi è l'assassino (quando invece mancano ancora cinquanta capitoli). Indovinare chi è il colpevole è improbabile. Immagina quindi capire il messaggio che qualcuno vuole mandare con un dialogo, che di capitoli ne può avere infiniti.

 

Ascoltare veramente

 

Tutto ciò ci riconduce al titolo: ormai ascoltare DAVVERO è diventato una rarità perché chiunque ascolti una persona, in realtà non sta ascoltando veramente. È già lì che pensa tra sé e sé cosa ribattere, magari cercando anche fatti personali per spostare l'attenzione su di sé.

 

Sono poche le persone che ti fanno una domanda perché vogliono ascoltare la tua risposta, la tua opinione. Poche riescono a stare zitte per sentire tutto ciò che si ha da dire. Però ricordiamoci che se abbiamo una sola bocca e ben DUE orecchie... un motivo ci sarà. ;)

 

Iusbe

 

Articolo precedente..........Articolo successivo