Indagine statistica

Dopo aver parlato delle varie operazioni matematiche, possiamo finalmente dedicarci a qualcosa di diverso nuovo, che ci allontano per un attimo dai calcoli e dalle operazioni. Qui di seguito parleremo delle indagini statistiche e tratteremo un primo approccio al concetto di indagine statistica.

 

Nota: questa guida riguarda argomenti di seconda elementare, ed è rivolta a genitori, maestri e a chiunque sia appassionato alla didattica della Scuola Primaria.

 

Che cos'è un'indagine statistica

 

Un'indagine statistica è un processo costituito da diverse fasi, e che si ripropone di raccogliere, organizzare e analizzare alcuni dati riguardanti l'osservazione dei fenomeni e delle situazioni. In buona sostanza un'indagine statistica è un particolare tipo di analisi delle informazioni.

 

Per effettuare un'indagine statistica abbiamo bisogno di alcuni ingredienti:

 

- la curiosità. Ovviamente la curiosità è fondamentale perché ci permette di porre le giuste domande, grazie alle quali riusciremo a raccogliere i dati che ci interessano.

 

- Un campione statistico. Con la parola campione intendiamo in questo caso un gruppo di persone o di cose che vogliamo analizzare. Ad esempio il gruppo degli alunni della classe 2°A, o il gruppo degli alunni di una scuola, o ancora il gruppo degli abitanti della città di Roma. Tutti quelli che abbiamo appena menzionato sono esempi di campioni statistici. Al posto di campione statistico possiamo utilizzare anche il termine popolazione, mentre prende il nome di unità statistica ciascun elemento del campione.

 

- Un insieme di dati statistici, detti anche dati statistici. Un dato statistico è un valore numerico; i dati statistici sono valori numerici che ci permetteranno di analizzare la situazione che ci interessa.

 

- Carta e matita con cui disegnare dei grafici. Essi ci serviranno a rappresentare i dati che abbiamo ottenuto dall'indagine statistica, attraverso dei disegni che ci permetteranno di comprendere il fenomeno che stiamo studiando. Se un grafico è ben fatto basta uno sguardo per trarre le informazioni che ci servono.

 

- Tabelle. Molto spesso, quasi sempre, i grafici saranno accompagnati da tabelle, ossia da rappresentazioni di dati statistici disposti per righe e per colonne che serviranno per organizzare in modo ordinato i dati.

 

Il campione statistico ci fornirà delle informazioni, starà a noi raccoglierle e sintetizzarle nel modo corretto con gli ingredienti che abbiamo appena elencato.

 

Ora che abbiamo parlato degli elementi che permettono di realizzare un'indagine statistica possiamo entrare nel dettaglio. ;)

 

Un esempio di indagine statistica

 

Come al solito iniziamo proponendo ai bambini un esempio.

 

Lester va nella 2°A che è composta da 22 alunni. La sua insegnante di Matematica vuole sapere qual è lo sport preferito dagli alunni. Alla domanda i bambini danno diverse risposte: pallavolo, calcio, nuoto, basket e ciclismo.

 

L'insegnante si alza e va alla lavagna e disegna una tabella come questa:

 

 

Esempio di tabella usata nelle indagini statistiche

 

 

Poi chiede a ciascun alunno di esprimere la propria preferenza. Ad ogni risposta inserisce una x nella relativa riga. Quando tutti i bambini hanno risposto, la tabella ha la seguente forma.

 

 

Tabella riempita con i dati statistici

 

 

Contando le x scopriamo che 3 bambini preferiscono la pallavolo, 7 preferiscono il calcio, 4 il nuoto, 2 il basket e 6 il ciclismo.

 

Ad essere precisi questi dati si chiamano frequenze, dove con frequenza si intende il numero di unità del campione che soddisfano una certa richiesta.

 

Cerchiamo di chiarire le idee sui nomi dei vari personaggi che delineano l'indagine statistica. Nell'indagine che l'insegnante ha proposto:

 

- il campione statistico è la classe di Lester, la 2° A.

 

- Le unità statistiche sono i singoli compagni di Lester, compreso Lester.

 

- 3, 7, 4, 2, 6 sono i dati statistici corrispondenti alle varie possibilità di scelta.

 

- Quante sono le unità statistiche che preferiscono il calcio? Sono 7, e quest'ultimo valore rappresenta la corrispondente frequenza.

 

Diagramma a barre verticali per un'indagine statistica

 

È il momento giusto per prendere carta e matita, perché dobbiamo rappresentare i dati che abbiamo raccolto in un grafico che chiameremo diagramma a barre verticali. Il diagramma a barre verticali è formato da due linee, o meglio frecce. Una è verticale, l'altra è invece orizzontale.

 

Sulla linea orizzontale inseriremo gli sport: pallavolo, calcio, nuoto, basket, ciclismo, inseriremo quindi le possibili scelte.

 

Sulla linea verticale inseriremo la frequenza: nel nostro caso il numero di bambini che hanno scelto quel determinato sport. 

 

Per delineare il grafico poniamoci la domanda: quanti bambini preferiscono la pallavolo? La risposta è 3. Disegneremo quindi 3 mattoncini uno sopra l'altro così da formare la prima torre. Ciascun mattoncino rappresenta un bambino.

 

Quanti sono i bambini che preferiscono il calcio? Sono 7, per cui disegneremo 7 mattoncini uno sopra l'altro e formeremo la seconda torre.

 

Continuiamo così per tutti gli sport e alla fine otterremo tante torri con altezze diverse:

 

 

Diagramma a barre verticali

 

 

È facile intuire che il grafico a barre verticali è estremamente utile perché ci permette di valutare velocemente i risultati dell'indagine statistica.

 

Riusciamo a dire subito qual è lo sport preferito dalla classe 2°A, è il calcio con 7 preferenze, infatti la torre azzurra (calcio) è quella più alta!

 

Ora facciamo un altra domanda: qual è lo sport che ha meno preferenze? Basta guardare la torre più bassa, vale a dire quella relativa al basket. Possiamo dire che lo sport con meno preferenze è proprio il basket.

 

Se avessimo a disposizione solo il diagramma dell'indagine statistica, saremmo in grado di dire quanti sono gli alunni della 2 A a preferire il nuoto. Basta contare i mattoncini che costituiscono la torre: 4!

 

 


 

Probabilmente all'inizio l'uso dei diagrammi potrà risultare ostico per i bambini, ma col tempo impareranno a fare delle piccole indagini statistiche in completa autonomia.

 

 

Buon proseguimento!

Salvatore Zungri (Ifrit)

 

Lezione precedente............Lezione successiva


Tags: come condurre un'indagine statistica e come disegnare un diagramma a barre verticali per un'indagine statistica, per le scuole elementari.