Sottrazione come differenza

L'introduzione della sottrazione può essere molto complicata e richiede molta attenzione, perché possiede due significati logici ben distinti, ossia sottrazione come differenza e sottrazione come resto. In questa guida, per molti versi propedeutica, faremo alcuni esempi di sottrazione intesa come differenza di quantità ed ideati per essere riproposti ai bambini in modo da agevolarne l'apprendimento.

 

Nota: questa guida riguarda argomenti di prima elementare, ed è rivolta a genitori, maestri e a chiunque sia appassionato alla didattica della Scuola Primaria.

 

La sottrazione come differenza

 

Iniziamo con una piccola storiella: il nostro amico Lester ha deciso di preparare una bella torta insieme alla mamma, per fare una bella sorpresa alla sua sorellina Ester. Per la torta sono necessarie 6 uova. Lester è un bambino volenteroso e vuole rendersi utile. Si dirige verso il frigorifero e prende una vaschetta di uova. Perbacco, nella vaschetta ci sono solo 4 uova! 

 

Rappresentiamo la situazione con un disegno:

 

 

Sottrazione come differenza di quantità

 

 

e diamo il via ad un piccolo dibattito, stimolando gli alunni con alcune domande:

 

- quanti posti ha la confezione?

 

- quante uova sono presenti?

 

- quante uova mancano per riempire la vaschetta?

 

Quest'ultima domanda deve essere particolarmente enfatizzata perché essa suggerisce il significato logico della sottrazione intesa come differenza. L'operazione è:

 

6 - 4 = 2

 

Il simbolo - si legge meno:

 

"sei meno quattro uguale a due"

 

Diremo che la differenza tra 6 e 4 è 2, e che le uova che mancano per fare la torta sono 2.

 

Esempi sulla sottrazione come differenza

 

La sottrazione come differenza, in effetti, richiede ai bambini uno sforzo mentale non indifferente.

 

Altri esempi si riveleranno più che utili... 

 

Lester ed Ester giocano a dama. Alla fine della partita Lester ha mangiato 7 pedine di Ester, mentre lei ne ha mangiate 4. Quante pedine ha Lester in più di Ester?

 

Serviamoci di opportuni disegni in modo che i bambini abbiano la possibilità di visualizzare la situazione:

 

 

Esempio sulla sottrazione come differenza

 

 

La risposta è 3 e rappresenta la differenza tra le pedine di Lester e le pedine di Ester.

 

 

Un ulteriore esempio: Lester e Ester hanno moltissimi mattoncini colorati, decidono di costruire due torri. Ester utilizza 7 mattoncini e Lester ne utilizza 4.

 

 

Sottrazione come differenza tra mattoncini



Di quanti mattoncini è più alta la torre di Ester rispetto alla torre di Lester? Anche in questo caso interviene la sottrazione intesa come differenza di quantità.

 

7 - 4 = 3

 

Grazie all'operazione di sottrazione riusciremo a rispondere alle domande: quante in più? Quante in meno?

 

In parole povere stiamo mettendo a confronto due quantità! Col tempo e con il dovuto esercizio i bambini comprenderanno il significato di sottrazione come differenza, l'importante al solito è non avere fretta né pretese esagerate.

 

 

Vorremmo inoltre evidenziare il fatto che per il momento non abbiamo parlato di sottrazione come operazione, e a tal proposito ecco l'elenco completo delle guide dedicate alla sottrazione previste per la classe prima:

 

1) quella appena conclusasi;

 

2) sottrazione come resto;

 

3) sottrazione come operazione;

 

4) sottrazione con l'abaco;

 

5) sottrazioni in colonna.

 


 

Nella prossima lezione parleremo di sottrazione come resto e dunque ci occuperemo della seconda interpretazione logica della sottrazione.

 

 

Buon proseguimento!

Salvatore Zungri (Ifrit)

 

Lezione precedente............Lezione successiva


Tags: sottrazione come differenza per le scuole elementari - interpretazione logica della sottrazione come resto.