Davanti e dietro

In questa lezione parleremo dei concetti legati all'orientamento spaziale: davanti e dietro. Essi ricoprono un ruolo importante nell'apprendimento e nella vita di tutti i giorni. Riuscire a stabilire la propria posizione o quella di un oggetto è una conquista grandissima che avviene gradualmente: niente fretta e molta calma, non c'è nulla di scontato nella corretta formazione di un bambino!

 

Nota: questa guida riguarda argomenti di Prima Elementare, ed è rivolta a genitori, maestri e a chiunque sia appassionato alla didattica della Scuola Primaria.

 

Orientamento spaziale: davanti e dietro

 

Attività 1: invitiamo i bambini a sedersi per terra in una fila, prendiamo dei pastelli di colore rosso, verde, giallo e blu (anche i blocchi logici vanno benissimo) e collochiamoli per terra in modo che il giallo e il blu siano davanti a tutti e il verde e rosso siano alle spalle di tutti.

 

Chiediamo ai bambini di non voltarsi e poniamo alcune domande:

 

- "Vedete il pastello di colore rosso? Si trova davanti o dietro di voi?"

- "Vedete invece il pastello giallo? Si trova davanti o dietro di voi?"

 

Come sempre la gestualità può fornire un supporto determinante: mentre poniamo le domande, indichiamo cosa intendiamo con davanti e cosa intendiamo con dietro. Con ogni probabilità molti bambini risponderanno correttamente, perché conosceranno già i termini, o perché aiutati dalla mimica.

 

Andiamo avanti e chiediamo il parere di ogni singolo bambino: cosa intendono quando dicono davanti a me o dietro di me?

 

Stimoliamo il dibattito incoraggiando la discussione tra i bambini, ascoltando le loro proposte e, nel caso non fossero corrette, correggendoli con opportuni esempi. A questo livello didattico è fondamentale evitare quanto più possibile le astrazioni.

 

Una prima definizione intuitiva del davanti e del dietro

 

Una risposta ingenua ma comunque adatta ai nostri scopi è la seguente: quello che vedo è davanti a me, quello che non vedo è dietro di me. Invitiamo i bambini a disegnare e colorare un disegno simile al seguente

 

 

Davanti e dietro

 

 

Attività 2: prendiamo due fogli sufficientemente grandi per disegnare la sagoma anteriore e posteriore di un bambino a grandezza naturale. Scriviamo sulla parte anteriore "davanti", sulla parte posteriore "dietro".

 

A turno chiediamo a ciascun bambino di disegnare una parte del corpo a nostra scelta (naso, bocca, occhi, spalle, sedere, mani, polpacci, pancia, schiena, fronte, capelli, nuca...) nella giusta posizione e quindi sul lato corretto della sagoma.

 

Un'attività del genere è altamente istruttiva e permette ai bambini d'imparare a:

 

- posizionare correttamente le parti del corpo umano;

- utilizzare correttamente i termini davanti/dietro senza prendere sé stessi come riferimento.

 

Una volta ultimata la sagoma, concluderemo l'attività didattica chiedendo ai bambini di disegnarla sui loro quaderni. :)

 

 


 

Al fine di rafforzare l'idea di davanti e dietro consigliamo anche di ricorrere alle filastrocche. Ce n'è in particolare una, la filastrocca del davanti e del dietro, che adeguatamente coreografata vi fornirà un ulteriore supporto didattico! ;)

 

Buon proseguimento!

Salvatore Zungri (Ifrit)

 

Lezione precedente............Lezione successiva


Tags: come insegnare e spiegare i concetti di davanti e dietro ai bambini di prima elementare, con attività didattiche proposte per la scuola primaria.