Equivalenze tra unità di misura di tempo

Se vi state chiedendo come si svolgono le equivalenze tra unità di misura del tempo siete nel posto giusto! In questo articolo vedremo infatti come risolvere le equivalenze in cui le unità di misura di partenza e di arrivo sono unità di misura di tempo.

 

Nota bene: per chi ha fretta è disponibile un pdf con una tabella per la conversione delle misure di tempo. Lo potete scaricare da qui.

 

Equivalenze tra unità di misura del tempo del Sistema Internazionale

 

Contrariamente a quanti pensano molti, tra le unità di misura di tempo più comunemente utilizzate (come ore, minuti e secondi), l'unica che rientra nel Sistema Internazionale è il secondo. Quindi, svolgere le equivalenze tra misure di tempo del Sistema Internazionale vuol dire convertire multipli e sottomultipli del secondo in altri suoi multipli o sottomultipli.

 

Per non commettere errori, quando ci troviamo di fronte ad un'equivalenza tra due unità di tempo del Sistema Internazionale convertiamo dapprima l'unità di misura di partenza in secondi e, successivamente, i secondi nell'unità di misura d'arrivo.

 

 

Esempio

 

Per convertire 1256 μs in ns procederemo come segue:

 

\\ 1256 \mbox{ \mu s } = \ (1256 : 10^6) \mbox{ s } = \ 0,001256 \mbox{ s } \\ \\ 0,001256 \mbox{ s } = \ (0,001256 \times 10^9) \mbox{ ns } = \ 1256000 \mbox{ ns}

 

Nel primo passaggio, sapendo che 1 microsecondo corrisponde ad 1 milionesimo di secondo, abbiamo diviso per 1 milione per passare dai μs ai secondi; nella seconda riga abbiamo convertito i secondi in nanosecondi moltiplicando per 1 miliardo.

 

Possiamo così concludere che 1256 microsecondi equivalgono a 1,256 × 106 ns.

 

 

Un altro esempio

 

Ancora, volendo sapere a quanti millisecondi corrispondono 3,5 kilosecondi passeremo dai ks ai secondi moltiplicando per 1000:

 

3,5 \mbox{ ks } = \ (3,5 \times 1000) \mbox{ s } = \ 3500 \mbox{ s }

 

per poi convertire i secondi in millisecondi moltiplicando ancora una volta per 1000

 

3500 \mbox{ s } = \ (3500 \times 1000) \mbox{ ms } = \ 3500000 \mbox{ ms }

 

Volendo scrivere il risultato in notazione scientifica abbiamo che 3,5 ks = 3,5 × 106 ms.

 

Equivalenze tra misure di tempo

 

Nel quotidiano le unità di misura del tempo usate sono: secondi, minuti, ore, giorni, settimane, mesi ed anni. Vedremo ora come si converte un'unità di misura in un'altra ossia come si svolgono le equivalenze tra le misure di tempo che quotidianamente utilizziamo.

 

Secondi, minuti ed ore rientrano nel sistema sessagesimale, cioè, per passare dai secondi ai minuti o per convertire i minuti in ore si moltiplica per 60. Giusto per fissare le idee:

 

1 minuto = 60 secondi;

 

1 ora = 60 minuti = 3600 secondi.

 

D'altra parte, per svolgere le equivalenze in cui entrano in gioco giorni, settimane, mesi ed anni, occorre ricordare i seguenti fattori di conversione:

 

1 anno (inteso come anno civile) = 365 giorni, 366 se bisestile;

 

1 mese = 30, 31, 28 o 29 giorni a seconda del mese e dell'anno in cui ci si trova;

 

1 settimana = 7 giorni, dove ogni giorno è inteso come giorno solare medio;

 

1 giorno solare medio = 24 ore.

 

Esempi di equivalenze tra unità di misura del tempo

 

1) A quanti secondi equivalgono 3 settimane?

 

Per sapere a quanti secondi equivalgono 3 settimane ricordiamo che 1 settimana è composta da 7 giorni e, quindi, 3 settimane equivalgono a 3 × 7 = 21 giorni.

 

Ora, ogni giorno contiene 24 ore e dal momento che in un'ora ci sono 3600 secondi abbiamo la seguente catena di uguaglianze:

 

3 settimane = 21 giorni = (21 × 24) ore = 504 ore = (504 × 3600) secondi = 1 814 400 secondi.

 

 

2) Quanti minuti ci sono nel mese di marzo?

 

Il mese di marzo è formato da 31 giorni e poiché ogni giorno ha 24 ore, ciascuna composta da 60 minuti, si ha:

 

31 giorni = (31 × 24) ore = 744 ore = (744 × 60) minuti = 44 640 minuti.

 

 

3) Quante ore ha il mese di febbraio di un anno bisestile?

 

In un anno bisestile il mese di febbraio conta 29 giorni, ciascuno di 24 ore. Pertanto nel mese di febbraio di un anno bisestile vi sono 29 × 24 = 696 ore.

 

 

4) Quanti lustri vi sono in un millennio?

 

Un lustro indica un periodo di tempo di 5 anni, mentre un millennio equivale a 1000 anni. Pertanto in un millennio vi sono 1000:5 = 200 lustri.

 

 

5) Quanti giorni ci sono stati nel XVI secolo?

 

Il XVI secolo è il periodo di tempo di 100 anni compreso tra il 1501 ed il 1600, estremi compresi.

 

Ogni anno ha 365 giorni se non bisestile, 366 se bisestile e, ad eccezione degli anni secolari, gli anni bisestili sono quegli anni multipli di 4. L'anno secolare 1600 è anch'esso bisestile in quanto divisibile per 400.

 

Morale della favola tra il 1501 ed il 1600 vi sono stati 100:4=25 anni bisestili e 100-25=75 anni civili della durata di 365 giorni.

 

Possiamo così concludere che nel XVI secolo vi sono stati:

 

(75 × 365) + (25 × 366) =  27375 + 9150 = 36525 giorni.

 

 

Buon proseguimento su YouMath,

Giuseppe Carichino (Galois)

 

Lezione precedente.............Lezione successiva


Tags: equivalenze tra unità di misura del tempo - come svolgere le equivalenze tra unità di misura di tempo.