Moto parabolico (moto del proiettile)

Un moto parabolico, detto anche moto del proiettile, è il moto di un corpo che partendo con una certa velocità iniziale ed un certo angolo percorre una traiettoria parabolica sotto l'azione della sola accelerazione di gravità.

 

In questa lezione affrontiamo per la prima volta un tipo di moto che richiede lo studio delle componenti lungo gli assi: stiamo parlando del moto parabolico, noto anche come moto di un proiettile.

 

Introduzione al moto parabolico

 

Per introdurre il moto parabolico possiamo considerare un semplice esempio. Quando tiriamo un calcio ad un pallone, questo si staccherà dal suolo e, una volta in volo, raggiungerà una certa altezza prima di ricadere a terra. Durante la sua fase di volo, il pallone descrive nell'aria una particolare traiettoria.

 

Se consideriamo che l'unica accelerazione presente durante il moto è l'accelerazione di gravità g, diretta verso il basso, e trascuriamo ogni possibile effetto dovuto alla presenza dell'aria, allora noteremo che la traiettoria descritta dal pallone è un arco di parabola.

 

La definizione di moto parabolico è dunque espressa dal nome stesso: si tratta del moto di un corpo lungo una traiettoria parabolica e soggetto unicamente all'accelerazione di gravità.

 

Per ragioni storiche, il moto parabolico viene anche detto moto del proiettile, perché i corpi che si muovono di moto parabolico vengono chiamati proiettili.

 

Il fatto di trascurare l'effetto dell'aria implica un'approssimazione che nella trattazione matematica del modello ci distanzia dalla realtà. Questo non è un problema: in Fisica è normale semplificare i problemi ed epurare i fenomeni da tutto ciò che può distogliere l'attenzione dagli aspetti che, nello specifico, ci interessano. Una volta compreso il moto parabolico nella sua vera natura, potremo eventualmente aggiungere gli effetti dovuti alla resistenza dell'aria e correggere la descrizione del fenomeno in modo da renderlo più aderente alla realtà, per quanto diventi più complesso.

 

Formule del moto parabolico

 

Cerchiamo ora di trovare le equazioni che ci permettono di descrivere matematicamente questo tipo di moto, in parole povere le formule del moto parabolico.

 

Scegliamo un sistema di riferimento cartesiano in cui la direzione dell'asse y è verticale e positiva verso l'alto, mentre quella dell'asse x è orizzontale e positiva verso destra.

 

 

Moto parabolico

 

 

Se imprimiamo al pallone una certa velocità istantanea iniziale v_0, inclinata di un angolo \alpha rispetto all'orizzontale, possiamo scomporre lungo gli assi cartesiani la velocità nelle sue due componenti.

 

La Trigonometria ed in particolare i teoremi trigonometrici sui triangoli rettangoli ci permettono di scrivere le seguenti equazioni

 

 

\begin{cases}v_{0x} = v_{0}\cos(\alpha)\\ v_{0y} = v_{0}\sin(\alpha)\end{cases}

 

 

dove con v_{0x} indichiamo la componente della velocità iniziale lungo l'asse delle x, e con v_{0y} quella lungo l'asse y.

 

Essendo le due componenti perpendicolari tra loro, valgono le seguenti relazioni:

 

 

 v = \sqrt{v_{0x}^{2} + v_{0y}^{2}} (teorema di Pitagora)

 

\tan(\alpha) = \frac{v_{0y}}{v_{0x}} (definizione di tangente di un angolo)

 

Leggi orarie del moto parabolico lungo gli assi

 

Ora, per studiare il moto del proiettile, dobbiamo distinguere due moti differenti: quello lungo l'asse x e quello lungo l'asse y.

 

Lungo la direzione di x non c'è alcuna accelerazione, pertanto siamo in presenza di un moto rettilineo uniforme. Ciò significa che, per tutta la durata del moto, la componente orizzontale della velocità v_{x} rimane costante:

 

v_x=v_{0x}

 

Possiamo allora scrivere la legge oraria del moto parabolico per il moto lungo l'asse delle ascisse, dove andiamo a sostituire lo spazio generico s con la lettera x:

 

 x = x_{0} + v_{0x}t

 

 

Consideriamo ora ciò che accade lungo l'asse y. Qui siamo in presenza di un'accelerazione costante diretta verso il basso: l'accelerazione di gravità g, di cui conosciamo sempre il valore (g≈9,81 m/s2).

 

Abbiamo quindi un moto uniformemente accelerato e possiamo scrivere la legge oraria del moto del proiettile lungo la verticale, dove chiameremo lo spazio con y:

 

 y = -\frac{1}{2}gt^{2} + v_{0y}t + y_{0}

 

Abbiamo ovviamente considerato negativa l'accelerazione di gravità perché è diretta verso il basso, e in accordo con la nostra scelta del sistema di riferimento, proprio come avevamo fatto nel moto dei corpi in caduta libera.

 

 

Il moto parabolico è la composizione di questi due moti: il moto in caduta libera lungo la verticale e il moto a velocità costante lungo l'orizzontale. Qualunque esercizio su questo argomento va risolto ponendo a sistema le due leggi orarie, che forniscono quindi le formule del moto parabolico

 

 

 \begin{cases} x = x_{0} + v_{0x}t \\ y = -\frac{1}{2}gt^{2} + v_{0y}t + y_{0} \end{cases}

 

 

o, volendo scrivere le componenti orizzontale e verticale della velocità iniziale in termini del modulo della velocità iniziale

 

 

 \begin{cases} x = x_{0} + v_0\cos(\alpha)t \\ y = -\frac{1}{2}gt^{2} + v_{0}\sin(\alpha)t + y_{0} \end{cases}

 

Esempio sul moto parabolico

 

Vediamo un esempio sul moto del proiettile: dal tetto di un edificio alto 52 m, viene lanciato un sasso con una velocità di 25 m/s e con un angolo di inclinazione rispetto all'orizzontale di 30°. A quale distanza dall'edificio cadrà il sasso?

 

 

Moto del proiettile

 

 

Partiamo dalla scelta del sistema di riferimento. Se in verticale consideriamo la posizione zero come la base dell'edificio, allora il sasso parte inizialmente da un'altezza di 52 metri, pertanto abbiamo y_0= 52\mbox{ m},\ x_0=0. Quando il sasso avrà toccato il suolo, allora la sua altezza sarà pari a zero, quindi imposteremo y=0.

 

Per cominciare scriviamo le formule del moto del proiettile:

 

 \begin{cases} x = x_{0} + v_{0x}t \\ y = -\frac{1}{2}gt^{2} + v_{0y}t + y_{0} \end{cases}

 

Il problema ci chiede di calcolare la x di atterraggio, ma non conosciamo il tempo; possiamo però ricavarlo dalla seconda equazione.

 

y = -\frac{1}{2}gt^{2} + v_{0y}t + y_{0}

 

Per la formula che lega la velocità iniziale alla sua componente lungo l'asse y, possiamo riscrivere l'equazione nella forma

 

y = -\frac{1}{2}gt^{2} + v_{0}\sin(\alpha)t + y_{0}

 

e quindi come

 

\frac{1}{2}gt^{2} - v_{0}\sin(\alpha)t - y_{0} = 0

 

Trattiamo l'equazione appena scritta come un'equazione di secondo grado nell'incognita t

 

 t = \frac{v_{0}\sin(\alpha) \pm \sqrt{v_{0}^{2}\sin^{2}(\alpha) + 2gy_{0}}}{g}

 

per cui

 

\\ t \simeq \frac{25\ \frac{\mbox{m}}{\mbox{s}}\cdot \frac{1}{2} \pm \sqrt{\left(25\ \frac{\mbox{m}}{\mbox{s}}\right)^2\cdot \left(\frac{1}{2}\right)^2 + 2\cdot 9,81\ \frac{\mbox{m}}{\mbox{s}^2}\cdot 52\mbox{ m}}}{9,81\ \frac{\mbox{m}}{\mbox{s}^2}}\\ \\ \\ t\simeq \frac{12,5 \frac{m}{s} \pm \sqrt{156,25 \frac{m^{2}}{s^{2}} + 1020,24 \frac{m^{2}}{s^{2}}}}{9,81\frac{m}{s^{2}}}\\ \\ \\ t\simeq \frac{\left(12,5 \pm 34,5 \right) \frac{m}{s}}{9,81\frac{m}{s^{2}}}

 

Otteniamo così due soluzioni:

 

 t_{1} \simeq - 2,22\mbox{ s} \ \ \ ;\ \ \ t_{2} \simeq  4,77\mbox{ s}

 

Il primo risultato non è accettabile perché ci troveremmo con un tempo negativo, dunque privo di senso. Ci limitiamo quindi a prendere in considerazione il tempo t_2 e ne sostituiamo il valore nella prima equazione del sistema:

 

x = x_{0} + v_{0}\cos(\alpha) t

 

Problemi con i valori delle funzioni trigonometriche? Nessun problema, basta un click!

 

\\ x\simeq 0+25\ \frac{\mbox{m}}{\mbox{s}}\cdot \cos(30^o)\cdot 4,77\mbox{ s}\\ \\ \\ x\simeq 25\ \frac{\mbox{m}}{\mbox{s}}\cdot \frac{\sqrt{3}}{2}\cdot 4,77\mbox{ s}\\ \\ \\ x\simeq 103,3\mbox{ m}

 

E l'esercizio è terminato. :)

 

Traiettoria del moto parabolico

 

Concludiamo la lezione con una dimostrazione facoltativa molto istruttiva sia dal punto di vista matematico che da quello fisico. Come possiamo dire che la traiettoria del moto del proiettile è proprio un arco di parabola?

 

La Matematica viene in nostro aiuto: ricaviamo il tempo dalla prima equazione e sostituiamo quanto ottenuto nella seconda:

 

\\ \begin{cases} t = \frac{x-x_{0}}{v_{0x}} \\ y = -\frac{1}{2}gt^{2} + v_{0y}t + y_{0} \end{cases}\\ \\ \\ \begin{cases} t = \frac{x-x_{0}}{v_{0x}} \\ y = -\frac{1}{2}g\left(\frac{x-x_{0}}{v_{0x}}\right)^{2} + v_{0y} \left(\frac{x-x_{0}}{v_{0x}}\right)+ y_{0} \end{cases}

 

Svolgendo i conti e sviluppando il quadrato del binomio a numeratore

 

\\ \begin{cases} t = \frac{x-x_{0}}{v_{0x}} \\ y = -\frac{g}{2v_{0x}^{2}}\left(x^{2} - 2xx_{0} + x_{0}^{2} \right) + \frac{v_{0y}}{v_{0x}}x - \frac{v_{0y}}{v_{0x}}x_{0} + y_{0} \end{cases}

 

e, sempre nella seconda equazione, raccogliendo i termini in favore di x

 

\begin{cases} t = \frac{x-x_{0}}{v_{0x}} \\ y = -\frac{g}{2v_{0x}^{2}}x^{2} + \left(\frac{gx_{0}}{v_{0x}^{2}} + \frac{v_{0y}}{v_{0x}} \right)x - \frac{gx_{0}^{2}}{2v_{0x}^{2}} - \frac{v_{0y}}{v_{0x}}x_{0} + y_{0} \end{cases}

 

A questo punto sostituiamo le espressioni di v_{0x},\ v_{0y} in funzione di v_0 e di \alpha, e otteniamo:

 

 \begin{cases} t = \frac{x-x_{0}}{v_{0x}} \\ y = -\frac{g}{2v_{0}^{2}\cos^{2}(\alpha)}x^{2} + \left(\frac{gx_{0}}{v_{0}^{2}\cos^{2}(\alpha)} + \tan(\alpha) \right)x - \frac{gx_{0}^{2}}{2v_{0}^{2}\cos^{2}(\alpha)} - \tan(\alpha) x_{0} + y_{0} \end{cases}

 

Questa è l'equazione della traiettoria seguita dal proiettile in funzione della velocità iniziale v_0 e dell'angolo \alpha e, come vedete, presenta la stessa struttura dell'equazione di una parabola, che è della forma:

 

 y = ax^{2} + bx +c

 

Quindi, al di là del nome storico di moto del proiettile, dovrebbe essere chiara e più evidente la denominazione di moto parabolico. :)

 

 


 

La lezione finisce qui, ma non scappate! Se vi servono esercizi sul moto parabolico potete usare la barra di ricerca interna e trovare tutto quello che vi serve, ci sono tantissimi esercizi svolti; inoltre non perdetevi la prossima puntata, in cui approfondiremo il moto del proiettile mostrando il calcolo della gittata e della massima altezza. ;)

 

 

Buon proseguimento su YouMath,

Alessandro Catania (Ales)

 

Lezione precedente..........Lezione successiva


Tags: definizione di moto di un proiettile - formule del moto parabolico ed esempi.