Pianeti nani

I pianeti nani sono oggetti del Sistema Solare che rientrano in una nuova classificazione introdotta il 24 Agosto 2006 dall'Unione Astronomica Internazionale (IAU). Prima di allora gli unici oggetti considerati come pianeti erano 9: Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno e Plutone.

 

Nel 2006 la IAU ha convenuto, dopo lunghi dibattiti, di proporre una nuova classificazione dei corpi del Sistema Solare, introducendo la definizione di pianeta nano e declassando il nono pianeta, Plutone, dalla famiglia dei pianeti alla famiglia dei pianeti nani.

 

Da allora l'Unione Astronomica Internazionale ha proseguito il dibattito assegnando il rango di pianeta nano ad altri corpi del Sistema Solare. Alla fine del 2015 l'elenco dei pianeti nani include 5 oggetti del nostro Sistema: Cerere, Plutone, Haumea, Makemake ed Eris.

 

 

Pianeti nani 

 

Differenze tra pianeti e pianeti nani del Sistema Solare

 

Quali sono i criteri secondo i quali un corpo viene classificato come pianeta o pianeta nano? Il 24 Agosto 2006 la IAU ha stabilito 3 criteri fondamentali per la definizione di pianeta:

 

1) deve orbitare intorno al Sole;

2) deve avere una massa sufficiente affinché la sua forza di gravità gli conferisca una forma approssimativamente sferica;

3) deve disporre di una forza gravitazionale tale da aver liberato la regione che ne circonda l'orbita.

 

Nel frattempo, la definizione di pianeta nano prevede che non valga il terzo criterio, mentre ne deve valere un altro:

 

3') non deve essere un satellite.

 

Declassamento di Plutone da pianeta a pianeta nano

 

L'introduzione dei nuovi criteri di classificazione dei pianeti ha prodotto nel 2006 l'immediato declassamento di Plutone, considerato come nono pianeta del Sistema Solare, allo status di pianeta nano

 

I motivi della scelta sono legati all'avanzamento negli studi astronomici avvenuti nel XX secolo. Plutone fu scoperto il 18 Febbraio 1930 da Clyde Tombaugh, un assistente dell'osservatorio di Flagstaff in Arizona. All'epoca e negli anni successivi si riteneva che Plutone fosse l'ultimo pianeta di rilievo, per dimensioni e massa, del nostro sistema planetario; successivamente però vennero scoperti nuovi corpi celesti, tra cui diversi asteroidi ed oggetti, collocati nella Fascia di Kuiper e dotati di dimensioni considerevoli.

 

La scoperta di questi nuovi corpi ha creato diversi problemi nella classificazione degli oggetti del Sistema Solare, dal momento che alcuni di essi presentavano dimensioni simili (se non superiori) a quelle di Plutone. Dopo aver valutato la possibilità di declassare Plutone allo status di asteroide, l'Unione Astronomica Internazionale è convenuta nella decisione di definire una nuova tipologia di corpi celesti: i pianeti nani, per l'appunto.

 

Elenco dei pianeti nani riconosciuti: quali sono

 

Al 2015 i pianeti nani sono 5: qui di seguito l'elenco dei pianeti nani riconosciuti dall'Unione Astronomica Internazionale, con i relativi nomi e le principali caratteristiche.

 

Nota: le approssimazioni dei semiassi maggiori delle varie orbite sono espressi in unità astronomiche.

 

 

Nome Diametro medio

Massa

Semiasse maggiore orbita

Periodo di rivoluzione Satelliti noti Fascia asteroidale Scoperta
Cerere 975 x 909 km

9,43 x 1020 kg

2,765 UA

4,6 anni 0 Fascia Principale 1801
Plutone 2370 km

1,305 x 1022 kg

39,445 UA

247,92 anni 5 Fascia di E-K 1930
Haumea 1500 km

4,2 x 1021 kg

42,968 UA

285,4 anni 2 Fascia di E-K 2004
Makemake 1600-2000 km

4 x 1021 kg

45,386 UA

309,87 anni 0 Fascia di E-K 2005
Eris 2326 km

1,67 x 1022 kg

68,071 UA

557 anni 1 Disco Diffuso 2005

 

 

Per completezza, nella seguente immagine riportiamo l'elenco dei 12 principali corpi celesti candidati al rango di pianeti nani; di questi, 10 ad oggi non sono considerati come tali. Per tutte le proprietà e le caratteristiche dei corpi candidati a pianeti nani potete ricorrere al tool per le caratteristiche dei corpi celesti.

 

 

Candidati pianeti nani

 

I primi pianeti nani: Cerere, Eris Plutone

 

Dei 5 pianeti nani meritano una menzione speciale Cerere, Eris e Plutone, i primi tre corpi celesti che sono stati classificati secondo la denominazione del 2006. In particolare abbiamo dedicato a Plutone una scheda a parte.

 

In riferimento a Cerere, abbiamo già avuto modo di parlarne nella scheda sugli asteroidi. Cerere è stato il primo asteroide scoperto (1801) ed è il più piccolo dei pianeti nani, nonché l'unico localizzato nella Fascia Principale degli asteroidi.

 

In merito alla sue caratteristiche principali, l'ipotesi più accreditata prevede che presenti un nucleo roccioso circondato da un mantello ghiacciato spesso tra i 120 km e i 160 km; si ritiene inoltre che sia dotato di una tenue atmosfera.

 

 

Cerere

 

 

Per quanto riguarda Eris, si tratta del più grande pianeta nano presente nel Sistema Solare. È un corpo transnettuniano, situato cioè al di là dell'orbita di Nettuno nonché al di là della Fascia di Edgeworth-Kuiper.

 

Eris Percorre un'orbita molto eccentrica (perielio 37,77 UA, afelio 97,56 UA) e ruota attorno al Sole ad una distanza in media quasi doppia rispetto a quella di Plutone. È dotato di una superficie simile a quella di Plutone e di un satellite, Dysnomia, con un diametro stimato in 350 km.

 

 

Eris

 

 

La Redazione

 

Lezione precedente..........Tool correlato...........Lezione successiva


Tags: cosa sono i pianeti nani e quali sono - tutti i pianeti nani del sistema solare.