Backup

Backup

Il salvataggio dei dati e dei file (backup) è un'operazione che andrebbe eseguita periodicamente. L'ultimo backup del PC permette infatti di recuperare documenti, foto e video importanti nell'eventualità di un danneggiamento dell'hard disk, un'infezione da virus o per semplice usura del dispositivo.

 

Un opportuno salvataggio periodico dei file ci metterà al sicuro ed eviterà di perdere centinaia se non migliaia di ore di lavoro al pc in caso di disastri irreparabili. In questa guida vediamo come fare un backup (termine mutuato dall'inglese back-up, ossia tornare indietro)...

 

 

...e quali tecniche abbiamo a disposizione per creare copie separate dei documenti e dei dati. Se poi avremo la pazienza di eseguire queste semplici operazioni una tantum, avremo la possibilità di recuperare tutti i nostri file nello spiacevole caso in cui qualcosa dovesse andare storto.

 

Nota bene: se il danno è fatto e non disponiamo di una copia di backup dei dati, incrocia le dita e tenta di recuperare i file cancellati come spiegato nell'omonimo articolo.

 

Come fare un backup

 

L'esecuzione di un backup consiste nel salvataggio di tutti i file presenti sul pc su un volume di memoria separato. Come vedremo tra poco, ci sono essenzialmente due modi di procedere: ricorrere ad un secondo dispositivo di archiviazione oppure utilizzare un apposito servizio di storage online.

 

In termini più generali, un backup completo prevede di salvare:

 

- i documenti (ossia i file presenti sul pc);

- i programmi;

- le preferenze e le impostazioni del sistema operativo e dei programmi.

 

Qui ci occupiamo essenzialmente del backup dei file . Nel caso disponessimo dei file di installazione dei vari programmi, specie se a pagamento, provvederemo ad includerli nella procedura di salvataggio in modo da poterli re-installare su un nuovo pc. Di contro, il salvataggio delle preferenze e delle impostazioni non è così essenziale (salvo casi particolari) e nulla ci vieterà nel seguito di armarci di buona pazienza e di re-impostare i programmi dopo averli installati.

 

Backup online

 

Il primo metodo per effettuare un backup del pc consiste nel ricorrere ad un servizio di archiviazione online come ad esempio Google Drive o DropBox, che forniscono uno spazio di Cloud Storage limitato ma ingente e che può essere usato per salvare i propri file. Perlomeno quelli più importanti. ;)

 

Backup con Google Drive

 

Per utilizzare Google Drive è sufficiente disporre di un account Google (se non hai mai effettuato la registrazione puoi rimediare velocemente e creare un account Gmail). Il servizio di Cloud Storage di Big G fornisce ai propri utenti 15Gb di spazio di archiviazione gratis che possono essere brillantemente usati per effettuare il backup di buona parte dei propri file. Nella versione business, dal costo mensile di circa 5 dollari, possiamo passare a ben 1 terabyte di spazio.

 

Ovviamente 15Gb non sono molti a fronte della memoria generalmente occupata dai file sul pc di un utente medio - si può arrivare con facilità alle centinaia di Gigabyte - ma la comodità del salvataggio di file online e la possibilità di accedervi da qualsiasi dispositivo rendono il servizio veramente appetibile, e ci concedono la possibilità di fare backup parziali per mettere in sicurezza i documenti più importanti.

 

In quanto al metodo per backuppare file e cartelle con GD, basta cliccare sull'icona con la freccia bianca presente nella colonna sinistra e selezionare ciò che vogliamo caricare sul nostro spazio online.

 

Come fare un backup

 

Oltre allo spazio per archiviare file online, Google Drive propone una vera e propria suite di lavoro con tanti altri strumenti gratuiti, tra i quali Word online di cui abbiamo parlato nell'omonima guida.

 

 

Il secondo servizio per effettuare backup online è DropBox, anch'esso gratuito nella versione base.

 

Backup con DropBox

 

A differenza di GD, DropBox richiede il download di un programma che ci permetterà di trattare lo spazio di storage a disposizione mediante un'apposita cartella del nostro pc. In questo caso lo spazio di archiviazione è pari a 2,5Gb nella versione gratuita e 1Tb in quella a pagamento.

 

La superiorità di Google Drive rispetto a DropBox è palese, per cui a meno che un amico o collega non vi costringa ad usare il secondo...vi suggeriamo di andare sul velluto col primo. ;)

 

Backup del PC mediante un dispositivo

 

L'alternativa al Cloud Storage prevede di servirsi di un dispositivo da collegare al pc e su cui trasferire la totalità dei propri file, o una parte di essi. Possiamo usare una chiavetta USB, una scheda Micro SD oppure, nel caso ci servisse uno spazio di archiviazione ingente, fare un backup con un hard disk esterno.

 

Backup con hard disk esterno

 

Le chiavette USB e le Micro SD presentano generalmente volumi di memoria che variano da 1Gb a 128Gb e al crescere della memoria presentano costi non trascurabili; un hard disk esterno invece è il dispositivo di backup per eccellenza, grazie ai prezzi contenuti (si veda l'articolo del precedente link) e alle dimensioni ridotte. In questo caso parliamo di unità di archiviazione portatili con volumi di memoria dai 500Gb fino ad arrivare a 6Tb!

 

Il metodo per backuppare i file con un hard disk esterno è molto semplice: si collega il dispositivo al pc mediante un apposito cavetto e vi si copiano i file trascinandoli nella relativa cartella (Drag and Drop). Grazie al principio Plug and Play non serve alcuna installazione, perché l'hard disk esterno è già pronto all'uso quando lo colleghiamo al pc.

 

Meglio un backup online o tramite hard disk esterno? 

 

La procedura di salvataggio mediante un hard disk esterno è meno economica rispetto all'uso di un servizio online, ma è sicuramente più performante. L'acquisto si traduce sempre in un vero e proprio investimento nel tempo, perché ci permetterà backup completi, periodici ed in serie, e ci salverà la pelle nel caso di cancellazioni indesiderate dei file. L'archiviazione dei documenti online è invece preferibile solo se la mole di documenti da salvare è ridotta e possiamo accontentarci di backup parziali. Wink

 

 

 

La Redazione

 

Articolo precedente..........Articolo successivo